in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

BioBlog

Articoli spunti e pensieri dai biobloggers

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Accesso
    Login Modulo Login
Super User

Super User

Super User non ha ancora inserito la sua biografia
Video condiviso da il in Maurizio Marna

VIDEO IN INGLESE – Questo video ci ricorda cosa successe l’11 Marzo 2011 nel Giappone orientale e le conseguenze scaturite da allora. La furia distruttrice di un terremoto magnitudo 9, ricordiamo, distrusse diciottomila vite e devastò ogni forma di insediamento umano. Una massa impressionante d’acqua, frutto di un’onda anomala alta oltre 10 metri, travolse anche la centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi aggiungendo disastro al disastro. Le radiazioni fuoriuscite, tuttora presenti, hanno contaminato persone e cose nel raggio di circa 30 Km mentre i loro tragici effetti si protrarranno per decenni.

Al di là delle rievocazioni giapponesi, il resto del mondo sembra essersene dimenticato. Il tempo corre troppo veloce? Oggigiorno non guardiamo più al passato? Sia come sia, cittadini e pubbliche autorità dovrebbero operare una scelta definitiva fra nucleare ed energie alternative. Noi speriamo optino per le seconde... Ma è stato un avvenimento eccezionale, gridano i paladini dell’atomo, ovvero una concomitanza di fortissimo terremoto-tsunami-devastazione di Fukushima. Eppure la situazione presenta il drammatico conto di una crescita esponenziale di tumori, soprattutto alla tiroide e nei bambini, lo stesso prezzo pagato da Chernobyl nonostante fosse meno popolata rispetto all’area giapponese. Intanto le pubbliche autorità e la Tepco, società proprietaria dell’ancora mortale impianto, hanno via via ammesso errori, omissioni, lentezze ed il campionario di miserie umane che nessuno vorrebbe mai vedere o sentire. Rimane senza risposta, all’interno di un mondo privo di memoria, la domanda: cosa si aspetta a dare alle energie alternative uno sviluppo costante e diffuso?

Visite: 2612
0

Inviato da il in Maurizio Marna
L'inverno delle Olimpiadi

Indovina... indovinelli: a quale città della Russia meridionale, situata sul Mar Nero, sono stati destinati l'equivalente di 50 miliardi di euro e perché? Sochi è la risposta, sede delle attuali Olimpiadi invernali, il cui nome è stato largamente citato durante gli ultimi tempi. La peculiare finalità di un simile budget finanziario ha suscitato, comunque, grosso clamore e legittime perplessità.

Visite: 2140
0
Video condiviso da il in Maurizio Marna

Chi l’ha detto che l’economia deve crescere a ritmi sostenuti e i consumi pure? Siamo proprio sicuri che la turbo produzione sia sempre la base su cui fondare il nostro benessere? Dopo tanti anni di crisi occorre ritrovare un vero equilibrio fra le risorse consumate e l’ambiente, se non vogliamo smettere di crescere: questo video ci fa vedere come.

Visite: 2566
0
Video condiviso da il in Maurizio Marna

E' difficilissimo, oggigiorno, trovare la luce della storia in una persona, ancora vivente, protagonista della vita civile e politica nel proprio paese. Aung San Suu Kyi, l'Orchidea d'acciaio birmana, è questa persona, forgiatasi nelle proprie sofferenze e in quelle del suo popolo attraverso l'armonia di pensiero e la non violenza.

Orchidea d'acciaio è stata ribattezzata Lady Aung San Suu Kyi, nata in Birmania nel 1945. Non è una lady di ferro, come lo fu Margaret Thatcher, ma ha resistito fieramente, con l'arma della dolcezza e della lotta civile non violenta, alle tragiche persecuzioni del regime militare. La sua colpa, assieme a quella di tutto il popolo birmano, è la ricerca della democrazia e la conseguente fine della dittatura dopo mezzo secolo di leggi marziali.  
Solo tre anni fa Aung San Suu Kyi ha riacquistato la libertà, nonostante la Birmania non sia ancora emancipata, e adesso può, finalmente, viaggiare all'estero. Nel 2012, a Oslo, ha ritirato il premio Nobel per la Pace mentre lo scorso Ottobre è venuta in Italia, su invito di molte nostre autorità che, in passato, Le avevano assegnato onorificenze. A Lei, donna di infinita dolcezza e carattere fermo, non interessano i premi quanto (ri)affermare il concetto di dignità umana. L'Università di Bologna, anni fa, l'aveva insignita della laurea honoris causa in Filosofia e a fine dello scorso mese Aung San Suu Kyi l'ha potuta ritirare. Seguitene, qui, il discorso post laurea e osservate questo 'esile' GIGANTE DELLA STORIA: non c'è odio o disprezzo verso i carcerieri militari, solo la ricerca di una pacificazione nazionale. Aung San Suu Kyi ci dà una lezione di etica, d'amore e compassione verso il prossimo, ci dice cosa sia la politica anzi la Politica(con la P maiuscola). E a proposito di quest'ultima il suo discorso dovrebbe essere trasmesso, ciclicamente, dentro il parlamento italiano a scopo didattico. Molti deputati e senatori arrossirebbero di vergogna, se mai ne avessero conservato la capacità....

Visite: 2156
0

Inviato da il in Maurizio Marna
Fine pena mai

Secondo un recente rapporto inglese sul proprio sistema carcerario, tre sono le domande principali che bisogna porsi: 1) quante sono le persone rinchiuse? 2) si tratta di un sistema idoneo? 3) quanto costa ai contribuenti? I dati forniti e le successive analisi dimostrano una sostanziale inefficacia, sotto tutti gli aspetti, di un apparato pensato e realizzato attraverso criteri non più consoni all'evoluzione storico-sociale ed economica dello stato britannico.

Visite: 1940
0

Inviato da il in Maurizio Marna
SANA 2013: PERCHE'BIO C'ERA!


Venticinque anni di rassegne progressivamente incentrate sul vivere BIO. Una pluridecennale occasione di accrescere la propria sensibilità verso l'ambiente. La voglia di conoscere e far conoscere il rispetto concernente la natura, senza lo sfruttamento intensivo delle sue risorse. Cinque lustri di SANA, manifestazione internazionale dedicata al comparto biologico/naturale, hanno sempre diffuso questi concetti, in Italia e all'estero, presso le aree espositive del distretto fieristico di Bologna. L'edizione 2013, poi, non si è certo sottratta all'indiscussa vocazione di polo aggregativo non solo di BIO aziende ma anche di BIO coscienze. Basta guardare i risultati conseguiti. 

Visite: 1605
0

Inviato da il in Maurizio Marna
Venezia, o cara

 

Serenissima ha smesso di esserlo da secoli ma possiede tanti altri aggettivi: straordinaria, affascinante, mirabile, decadente (non decaduta) Venezia lo è e lo sarà sempre. Eppure quando ci si trova lì, specialmente durante i periodi di maggior afflusso turistico, alzi la mano chi non ha provato almeno un po' di disagio. Ci sbagliamo?

Visite: 1565
0

Inviato da il in Maurizio Marna
Un giorno, a Detroit...

Lo scorso 18 Luglio il governatore del Michigan, il repubblicano Rick Snyder, ha dichiarato, a mezzo video, la bancarotta di Detroit. Obbligazioni municipali per 18 miliardi di dollari, non più garantite, hanno affondato la metropoli simbolo della produzione automobilistica americana. 

Visite: 1789
0
Video condiviso da il in Maurizio Marna

Perché la bicicletta è stata ed è importante per la storia dell'uomo e, soprattutto, per la sua salute

Visite: 1360
0
Expo 2015: le speranze, le promesse, le vanità

l Presidente della Repubblica e quello del Consiglio hanno partecipato, la scorso 7 Luglio, alla presentazione di "World Expo Tour", prossima rassegna itinerante nelle capitali mondiali per far conoscere i temi dell'Expo milanese 2015.

Visite: 1119
0

Inviato da il in Uncategorized
L'acqua "risanata" dagli EM

Parliamo di acqua e di come si rapporta con i microrganismi efficaci..

Voglio ricordare che l’acqua è l’ elemento fondamentale della vita….

Non a caso costituisce oltre il 70% dell’organismo umano …!!!!

Perché l’acqua sia benefica e utilizzabile dalle varie forme di vita che ne dipendono, occorre che sia

 “viva”.

Un’ acqua ferma, che ristagna non può esserlo, l’acqua viva è quella in movimento,

che salta e “zompetta” da un pietra all’altra … è l’acqua di fonte come era la forma primordiale

dell’acqua disponibile …

Perché deve essere in movimento??

Visite: 1211
0

Inviato da il in Maurizio Marna
Le stelle e i buchi neri

La recentissima scomparsa di Margherita Hack ha lasciato l'ennesimo, grande vuoto nel panorama scientifico-culturale italiano. I suoi studi astronomici ed il ferreo pragmatismo dimostrato al riguardo, unito alla semplicità di divulgazione, l'hanno resa molto conosciuta nonché stimata. Ci permettiamo di definirlo un incrollabile pragmatismo, fondato sull'assunto 'so quel che posso dimostrare con certezza'. Non è forse questa la missione di ogni buon scienziato? Noi pensiamo di sì e le rendiamo un sincero omaggio. 

Visite: 1048
0

Inviato da il in Uncategorized
Un gioco in cui tutti vincono

Lo sai vero che la “vita” su questo pianeta è all’insegna della chimica di sintesi? Mangi verdure concimate con la chimica, bevi acqua trattata con la chimica. Respiri aria che contiene CO2, diossina, ammoniaca, gas effetto serra ecc.ecc In casa “pulisci” con detersivi di sintesi che inquinano l’aria che respiri e sottolineo l’aria di casa tua (che è da 2 a 6 volte più inquinata che all’esterno)…che mangi senza volerlo la schiuma del detersivo per i piatti, che una volta lasciato il tuo lavello continua il suo percorso inquinante attraverso le fosse biologiche fino al mare!

Visite: 1508
0

Inviato da il in Maurizio Marna
Il tempo e l'etica di decidere

Quando ho iniziato a leggere i quotidiani avevo circa dodici anni. Naturalmente è stato un approccio graduale e comunque mi ha appassionato sempre di più. Quello che non capivo, chiedevo e intanto iniziavo a formarmi un'opinione. Fondamentale è stata anche l'esperienza di discussione nella scuola pubblica: sto parlando dei primi anni settanta e compatibilmente con il maturare del mio percorso scolastico( scuola media, ginnasio/liceo, università), sono riuscito a distinguere - spero - la giusta distanza fra la 'propaganda' e l'informazione. Un confine, oggi, assolutamente saltato. 

Visite: 861
0

Inviato da il in Maurizio Marna
I giochi dei grandi

La finanza, i fondi di investimento, i profitti, le banche, le Borse Valori, l'economia ... e poi cos'altro? Ah sì, le persone. Abbiamo elencato, in ordine d'importanza, gli attori che da tempo sono protagonisti delle cronache sui mass media. Le persone sono state inserite, di proposito, all'ultimo posto perché la loro importanza è assai relativa sia parlando degli 'squali finanziari', seduti di fronte a lussuose scrivanie, sia riferendosi ai semplici cittadini.

Visite: 1076
0

Inviato da il in Maurizio Marna
La lunga e costosa marcia verso il lavoro

In un periodo di cifre drammatiche sulla disoccupazione – chi scrive è stato licenziato nel 2008 e mai più riassunto, nonostante certosine ricerche e qualche sporadico lavoro in nero( il famigerato porta a porta) – le persone in cerca di lavoro si informano capillarmente o almeno cercano di farlo su corsi di formazione, di riqualificazione, di riconversione professionali. Qual è lo stato delle cose? Debbo necessariamente partire dalla mia esperienza personale, prima di approdare sulla piattaforma web di PERCHE’BIO.    

Visite: 1052
0

Inviato da il in BioAvventura

b2ap3_thumbnail_spedizione.jpg

 

Lo scopo di questo avventuroso viaggio è penetrare da occidente nella catena dell’Amne Machin, per raggiungere il suo picco più alto, situato al confine tra Cina e Tibet e già considerato rivale dell’Everest. Seguiremo, quindi, le orme di Leonard Clark, il primo esploratore che ha accertato l’esistenza del picco e che ne misurò l’altezza.
Altro scopo della nostra esplorazione sarà quello di entrare in contatto con le tribù dei Ngolok, il cui nome stesso significa ribelle e, all’epoca, feroci custodi della montagna per loro sacra e inviolabile, per raccogliere attraverso i loro racconti testimonianze della spedizione e, allo stesso tempo, osservare le tradizioni di questi antichissimi guerrieri.

Visite: 626
0

Inviato da il in BioAvventura

b2ap3_thumbnail_mongolia.jpg

Che ogni esploratore , aviatore o giramondo abbia incontrato disavventure di ogni genere, se non addirittura la morte, dopo aver visto anche per un solo istante questa cosiddetta montagna sacra, non significa necessariamente una fatalità per coloro che accetteranno la sfida dell’Amne Machin, non escluso, chissà qualche lettore di questo libro

Per approfondimenti, libro consigliato: “Alle porte della Mongolia”, di Leonard Clark.

Visite: 1517
0

Inviato da il in BioAvventura

b2ap3_thumbnail_amnemachin.jpg

 

Picco dell’Amne Machin 9041 metri sopra il livello del mare
Monte Everest 8883 metri sopra il livello del mare
Il Picco dell’Amne Machin è 158 metri più alto dell’Everest. E IL NOSTRO EROE SBAGLIO’ CLAMOROSAMENTE

Questa triangolazione, una delle tante eseguite ( con differenze non superiori ai 50 metri ) da punti diversi sul versante occidentale e settentrionale del Picco dell’Amne Machin, fu compiuta e registrata il 6 maggio 1949.

Visite: 1221
0

Inviato da il in BioAvventura

b2ap3_thumbnail_mappa.jpg

 

VIAGGIO BIOLOGICO: TUTTO IL MATERIALE E LE ATTREZZATURE CHE SARANNO UTILIZZATE E SCARTATE DURANTE IL VIAGGIO DEVONO ESSERE BIODEGRADABILI E NON INQUINANTI. DALLE SCARPE DA TENNIS ALLA TENDA, L’ORGANIZZAZIONE ACCETTERA’ UNICAMENTE PERSONE MUNITE DI ABBIGLIAMENTO E ATTREZZATURE SPORTIVE CHE NON CREANO RIFIUTI NELLE ZONE ATTRAVERSATE DALL’ITINERARIO E DI MATERIALI CHE NON EMETTONO TOSSINE.
ALLA RICERCA DELLA MONTAGNA DEL MISTERO

PROGETTO: ripercorrere lo stesso percorso effettuato da Leonard Clark con gli stessi mezzi di trasporto, lo stesso itinerario (vedi la mappa) per arrivare al picco dell'Amne Machin " LA MONTAGNA MALEDETTA".

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE: La progettazione e organizzazione saranno messe a punto grazie all'apporto attivo e creativo di chi ha la passione e il desiderio di partecipare a questa avventura con suggerimenti, informazioni utili sull'itinerario e le attrezzature più adatte, testimonianze di viaggio, materiale fotografico e video aggiornati.
Questo viaggio-avventura è adatto a persone realmente motivate, sportive, ma con il desiderio di conoscere dell'esploratore o dell'antropologo, e in ottima forma fisica.

Visite: 651
0