in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

BioMamme

di Maurizio Marna

bio mamme concepire intro

'Di mamma ce n'è una sola'. Quante volte abbiamo sentito questa frase. Certamente sono parole rassicuranti e ti avvolgono come una soffice trapunta in un rigido inverno, emanando calore protettivo. Intere generazioni ne hanno beneficiato sino a che la propaganda ufficiale ovvero quella, per intenderci, dei 'bei tempi di una volta', ha dovuto fare i conti con i radicali cambiamenti avvenuti nella società. La presa di coscienza femminile ha dissolto l'immagine di 'angelo del focolare' e la figura materna si è modellata in un soggetto pienamente cosciente del proprio ruolo familiare.

bio mamme concepire maternita 1 bigMamma si diventa e non si nasce,il modello di prima è stato insomma capovolto. Ma cosa significa la maternità al giorno d'oggi e quali passaggi di vita implica ? Non è possibile dare una risposta univoca giacché ogni donna affronta la gravidanza secondo il proprio modo di sentire. Essa sarà così legata alle personali esperienze di vita, anche in relazione all'educazione ricevuta, alle proprie condizioni di salute, al rapporto col compagno nonché futuro padre. Le profonde trasformazioni fisiche e mentali che accompagnano il corpo e la mente femminili, durante la gravidanza, fanno parte di quel processo naturale nel cui perimetro occorre interagire per concludere la gestazione nel migliore dei modi. Ecco quindi che la natura torna ad essere il giusto metronomo dei nostri momenti di vita, sia di quelli secondari sia di quelli più importanti.

Molte donne in stato interessante vogliono sempre più avvicinarsi al mondo BIO, diventare ECO MAMME per assicurare a sé stesse ed al nascituro un percorso di vita tranquillo. Sceglieranno perciò alimenti naturali, seguiranno corsi di BIO MAMMA -ad integrazione e non sostituzione dei classici corsi pre parto - al fine di raggiungere un buon equilibrio interiore. Si tratta di regole semplici e di immediata attuazione che saranno un prezioso alleato in tali frangenti. La nascita segnerà ovviamente un nuovo 'step' con altri passaggi, altri modelli di apprendimento per la madre. Essa sentirà la responsabilità di continuare a cercare, nello svezzamento e nella successiva crescita del figlio, prodotti naturali controllandone invero la freschezza e la provenienza. E' un punto molto importante questo perché l'industria alimentare ha avuto parecchie ombre, parecchi scheletri nell'armadio nella sua attività produttiva. Negli ultimi sessant'anni è stata preferita la quantità piuttosto che la qualità, abbondanti produzioni hanno marciato di pari passo con la scarsa salubrità anche in relazione all'ambiente dove venivano effettuate. Si è proceduto ad un uso intensivo ed oltremodo dannoso di sostanze chimiche come pesticidi,fertilizzanti, coloranti nelle lavorazioni,ecc fino ad arrivare alla manipolazione genetica ovvero agli OGM.

Un esempio emblematico sono quei casi in cui ai bovini vengono dati antibiotici, generando disfunzioni nel loro sistema immunitario che viene così destrutturato. Infinito sarebbe l'elenco di questi disastri con l'inevitabile conseguenza che nel consumatore, avendo assorbito per decenni tossicità di vario tipo, si sviluppano gravi patologie (tumore in primis). Le madri incinte trasmettono inconsapevolmente prodotti chimici dannosi al proprio feto e, dopo la nascita, il ciclo trasmissivo proseguirà con l'assunzione di latte materno. Allergie, intolleranze, tendenza all'obesità in aggiunta ad un vasto campionario fisio-patologico, investono i neonati e li accompagnano durante la crescita. Un campanello d'allarme che non può non far riflettere sulla impellente necessità di utilizzare prodotti BIO. Le future mamme e quelle che già crescono figli non sono più sole, adesso. Un nuovo modo di pensare le ha portate a scegliere la sfera BIO per queste necessità ed il mercato si sta sempre più adattando alla loro scelta.

                                                                                                     bio mamme foto 1

 

bio mamme foto 2Fioriscono,infatti, i negozi e si diffonde sempre più anche l'e-commerce per soddisfare tali BIO NECESSITA'. Quali sono ? Innanzi tutto,lo ribadiamo, un' alimentazione che sarà priva di residui chimici ed avrà in tal senso una certificazione europea. Il mercato alimentare insomma si farà più variegato e comincerà ad espellere dal proprio corpo, a seguito dell'orientamento del consumatore, le produzioni massificate e senza controlli per la salute. Si passerà poi ad un abbigliamento BIO come body in cotone biologico, pannolini lavabili, fasce, sacchi-nanna, ecc allo scopo di non provocare e/o aggravare eventuali allergie nel bimbo. Non può sicuramente mancare l'utilizzo di prodotti per la pulizia ed igiene personale dove l'erboristeria -quando non diventa 'business' a qualunque costo e viene gestita da addetti professionalmente preparati – gioca un ruolo assai rilevante. La pulizia degli indumenti e della casa, adoperando detersivi privi di composti chimici di sintesi, completa una serie di comportamenti essenziali per la vita delle mamme e della prole.

Dal 'vortice' della maternità e del periodo successivo al parto sappiamo che derivano seri pericoli per la salute della donna. Disagio psicologico,fisico, aiuti esterni che ci sono e non ci sono: quanto può sopportare una mamma ? Ecco allora che preferire un modo di vivere BIO può dare la sicurezza, assieme ad una rete di solidarietà nei rapporti umani,di far crescere sé stessi e la propria prole in un ambiente a misura umana. Un buon equilibrio psico-fisico diverrà irrinunciabile e il coraggio di diventare BIO TESTIMONI lo sarà altrettanto.

Per Approfondimenti: DIFESA LATTE MATERNO

 

FONTI

www.percorsibiosalute.it, Diventare madre fra fragilità e trasformazione

sito www.ecomamme.org

BIBLIOGRAFIA

Elisa Artuso, Eco famiglie. Riflessioni, esperienze, idee per una maggiore consapevolezza e un orientamento più sostenibile, collana Bambino Naturale, Leone Verde Edizioni.