in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

5 domande per un allevatore

di Federico Marino

animali nell'aia

PARLIAMO DI CARNE "SOSTENIBILE" Non mangiare carne rappresenta un avanzamento di civiltà perché pone fine alla violenza sugli animali e non è più sostenibile per il pianeta? Sicuramente 7 miliardi di persone che mangiano ogni giorno carne e lo fanno più volte al giorno non sono sostenibili. Mangiarne poca, ma di qualità eccellente può essere il il segreto per ottenere una salute ottimale. Ma come conoscere davvero la qualità della carne che mangiamo? Le regole d'oro sono due: 1. conoscerne la provenienza; 2. porre all'allevatore alcune, fondamentali domande.  

Leggi tutto: 5 domande per un allevatore

L'orto di Nemo, l'agricoltura si trasferisce in fondo al mare

di Federico Solimando

nemo capsule intro

Nemo’s Garden: in italiano, l’orto di Nemo. Si è addirittura scomodato il Washington Post, che le ha definite “le serre più belle del mondo”. L'agricoltura del futuro parte anche da qui, sott'acqua, sulle coste italiane della Liguria, più precisamente a cento metri da quelle del comune di Noli. In questi orti sottomarini, organizzati all’interno di biosfere subacquee in vinilico semitrasparente, a una profondità compresa tra sei e otto metri, germogliano e maturano fragole, piselli, fagioli, aglio, basilico genovese, e persino fiori di nasturzio.

Leggi tutto: L'orto di Nemo, l'agricoltura si trasferisce in fondo al mare

L'agricoltura del Fare Nulla

di Patrizia Marani

Paglia STRAW

"La rivoluzione del filo di paglia" di Masanobu Fukuoka, la Bibbia ambientalista della fine degli anni '70 e manuale agricolo che è sempre più urgente conoscere e applicare concretamente, anche nei nostri orti cittadini. Di seguito, una presentazione del libro e un video in cui Fukuoka descrive il proprio metodo di coltivazione.

Leggi tutto: L'agricoltura del Fare Nulla

Una storia fra cielo e terra

a cura di Silvano Cristiani e Simona Ventura - Agrisophia Progetti

Rudolf Steiner    

L'agricoltura biodinamica nasce nel 1924 grazie a Rudolf Steiner, fondatore dell'Antroposofia, quando, in risposta a un gruppo di agricoltori, già allora preoccupati per il degradarsi della fertilità del terreno e della qualità degli alimenti a causa dei nuovi metodi agricoli basati su un uso massiccio di prodotti chimici, ne espose i principi in un ciclo di otto conferenze a Koberwitz (Polonia).

Leggi tutto: Una storia fra cielo e terra

Perché parlare oggi di Agricoltura Biodinamica

a cura di Silvano Cristiani e Simona Ventura - Agrisophia Progetti*

coltivatore biodinamico

La "rivoluzione verde", nata dopo la seconda guerra mondiale con la riconversione delle industrie belliche, lo sviluppo della ricerca e il "boom economico" degli anni 60, se da una parte ha consentito un aumento delle rese produttive - si è passati da una media di 20-25 q.li/ha di grano degli anni 30-40 a punte di oltre 100 q.li/ oggi - dall'altra ha generato una serie di problematiche che ci devono fare seriamente riflettere: l'uso indiscriminato delle macchine, dei pesticidi e dei concimi chimici, ha generato un degrado sempre più marcato dell'ambiente, della fertilità dei nostri terreni e, di conseguenza, degli alimenti di cui ci nutriamo. Bisogna cambiare corso prima di arrivare a un punto di non ritorno. 

Leggi tutto: Perché parlare oggi di Agricoltura Biodinamica

Perché BIO conviene?

di Patrizia Marani

prezzo bio intro6

Perché il costo maggiore del BIO è solo apparente? E come risparmiare mangiando biologico e biodinamico?

Leggi tutto: Perché BIO conviene?

Il prezzo del Bio

di Patrizia Marani 
capra
IL BIOLOGICO/BIODINAMICO COSTA DI PIU'? NON PROPRIO SE FA RISPARMIARE SULLE MEDICINE, VEDIAMO PERCHE'  La perdita di qualità nutritive degli alimenti 'moderni', scoperta da Weston Price nei primi decenni del '900, si è in seguito aggravata, a mano a mano che le tecniche industriali di coltivazione e allevamento, nonché della lavorazione degli alimenti si “affinavano”, divenendo vieppiù massificate. Proprio nelle tecniche di coltivazione risiede, infatti, la causa della profonda differenza qualitativa fra prodotto ortofrutticolo/caseario convenzionale e quello biologico o biodinamico. Ma perché mai?

Leggi tutto: Il prezzo del Bio

Una vita di BIO DINAMICA passione

di Maurizio Marna

Foto intro Joly   Nicolas Joly

Volevamo già da tempo pubblicare o forse sarebbe meglio dire ripubblicare, vista la sua grande diffusione, il testo di Nicolas Joly La viticoltura in biodinamica, Mito o realtà? (Fonte:www.coulee-de-serrant.com). Joly lavora terreni di sua proprietà - sono decenni che lo fa - con il metodo BIODINAMICO e il vino ottenuto risulta uno fra i migliori in circolazione. La divulgazione dei principi steineriani, il loro radicamento culturale e 'colturale' ha portato Joly stesso a fondare l'associazione La Renaissance des Appellations: essa conta 200 produttori di vari paesi, Italia compresa.

Leggi tutto: Una vita di BIO DINAMICA passione

Biodizionario alimentare

Biodizionario alimentare intro
 
di Patrizia Marani

Come capire la differenza fra alimenti biologici, biodinamici, naturali, da lotta integrata, da agricoltura conservativa o integrali? Una miniguida al consumo consapevole.

Leggi tutto: Biodizionario alimentare

Alimento biologico, le regole e come leggere l'etichetta

di Patrizia Marani

spighe di grano

I metodi dell'agricoltura biologica sono stati regolamentati in una legge comunitaria (il Regolamento Cee n. 2092 del 24 giugno 1991) 
che prevede in estrema sintesi il rispetto dei seguenti parametri:

Leggi tutto: Alimento biologico, le regole e come leggere l'etichetta

Orti urbani, la rivoluzione della zappa

di Patrizia Marani

Orti urbani

L'autoproduzione di cibo può diventare il vero atto sovversivo.  Dopo i decenni di sbornia consumistica consumata sospingendo enormi carrelli in labirintici moloch alimentari dall'illusoria offerta infinita, come meccanismi di un ingranaggio seduttivo ormai un po' logoro, ci svegliamo tutti un po' più vecchi, un po' più pingui e, sempre più spesso, afflitti da una malattia cronica, sia essa un'allergia, un'intolleranza al glutine o qualcosa di peggio. Non è forse il caso di sovvertire il sistema? 

Leggi tutto: Orti urbani, la rivoluzione della zappa

La rivoluzione del filo di paglia

 
di Patrizia Marani

Perché mai mangiare biologico? L'Agricoltura Biologica può salvare l'ambiente e la salute umana. Le tecniche 'soft' della coltivazione biologica non sono fondamentali solo per la salute dell'ambiente, ma ancor più per la nostra. Pare incredibile, ma un filo di paglia, se ben utilizzato, può avere un grande potere. Un mantello di fili di paglia formato dai residui dei raccolti può mantenere sotto controllo la crescita delle erbe infestanti senza l’uso d’erbicidi. Può fertilizzare, come accade in natura, il suolo, evitando l’uso di fertilizzanti chimici. Può mantenere umido il suolo, limitando l’apporto d’acqua o proteggendo le radici delle piante dai geli invernali.

Leggi tutto: La rivoluzione del filo di paglia