in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

Acqua Minerale: come leggere le etichette (2)

Per scegliere la miglior acqua minerale, al di là degli slogan pubblicitari e delle vantate (e non dimostrabili) pseudomiracolistiche proprietà

di Patrizia Marani
  1. L'area in cui si trova la sorgente è fondamentale per l'integrità dell'acqua. La sorgente che sgorga in alta montagna è certamente più protetta da ogni tipo di inquinamento antropico. Se il luogo non è indicato, per scoprirlo rifarsi al dato relativo alla temperatura dell'acqua alla sorgente: attorno ai 5° centigradi si tratta di acqua di montagna. Più la temperatura sale, più la sorgente scende di quota.
    Acqua minerale: come leggere le etichette?Nitrati, nitriti e ammoniaca: La presenza di questi sali è indice di un inquinamento microbico più o meno remoto nel tempo. In una buona acqua, ammoniaca e nitriti devono essere assenti; per quanto riguarda i nitrati (indicati spesso come ione nitrico) meno ce n'è meglio è: il limite per l'acqua potabile è 50 mg/l, ma nelle acque minerali destinate ai bambini devono essere meno di 10 mg/l.
  2. Sodio Soprattutto chi soffre di ipertensione deve controllare questo dato. Il limite per l'acqua potabile è 175 milligrammi di sodio/l, ma meglio che si sia a livelli inferiori ai 20 mg/l.
  3. Solfati La loro presenza è considerata utile per la digestione. E' importante, però, non superare il valore limite di 250 mg/l, perché, ad alte concentrazioni, i solfati possono portare irritazioni all'intestino.
  4. Fluoro Il fluoro è un oligoelemento essenziale per la salute di ossa e denti, ma il corpo umano ne necessita di una quantità molto bassa. Dosi più alte possono provocare, al contrario, fragilità dei denti. Il valore limite per il fluoro nelle acque potabili è di 1,7 mg/l. In generale è meglio restare sotto il milligrammo, anche se sono ammessi valori più alti nella minerale.
  5. Controllare sull'etichetta la data a cui risalgono le ultime analisi chimiche e batteriologiche, deve essere recente.
  6. Controllare il PH, attorno a 7 è quello ideale.

Per la classifica delle acque con il più basso residuo fisso vedere:

SpesaDuePuntoZero