in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

Formaldeide

di IlReE'Nudo

form intro 2pumpkincat210

Tutte le fonti di un pericoloso inquinante “casalingo” tossico e come evitarle

Dai mobili di quel bellissimo salotto, appena comprato d’occasione, può uscire furtivamente, ma massicciamente un onnipresente killer domestico, la formaldeide. Il potente conservante può essere pure in agguato nei tuoi cosmetici o, peggio ancora, nei prodotti di cura personale di tuo figlio. Intraprendiamo insieme un viaggio di conoscenza attraverso le innumerevoli fonti di questo inquinante e, soprattutto, su come evitarle o minimizzarle. 

La formaldeide o formalina, riconoscibile dal caratteristico odore pungente, è stata ufficialmente riconosciuta come cancerogeno certo per l’uomo nel 2012 dallo IARC, agenzia internazionale per la ricerca sul cancro e, sebbene l’uso di questo composto battericida nei prodotti di consumo sia stato regolamentato dalle agenzie preposte, la sua presenza nell’ambiente, in particolare quello domestico, è talmente pervasiva da sollevare intensa preoccupazione. Per minimizzarne il pericolo, viene sovente scritto che la formaldeide, in circolazione nel sangue a concentrazioni infinitesimali, è naturalmente presente negli organismi viventi ed ha origine dal metabolismo degli aminoacidi endogeni. VERO! Ma, in questo caso, e' la quantita' che fa il veleno: quanta formaldeide totale sarà in circolazione nel nostro corpo quotidianamente a causa delle tante dosi minime ammesse per legge nei prodotti di consumo?Vediamole una per una.

form intro Wonderlane

INDOORS

L’esposizione nell’ambiente domestico è quella più pericolosa perché è bassa ma costante, in quanto la formaldeide è uno dei composti tossici principali all’origine della Sindrome dell’Edificio malato, tipica delle abitazioni prive d’aerazione naturale o di quelle più moderni, sigillate ermeticamente per – paradossalmente - massimizzare il risparmio energetico.

FONTI NELL’AMBIENTE DOMESTICO

La formaldeide può essere impiegata come collante per la fabbricazione
- di pannelli di legno truciolato, compensato o multistrato per la produzione di mobili.

Inoltre, nella fabbricazione di
- pannelli fonoassorbenti dei controsoffitti,
- schiuma isolante per materiale d’isolamento (UFFI)
- pareti divisorie degli uffici open space che la rilasciano abbondantemente nell’aria,
- lacche, vernici e pitture.

Può essere presente nei disinfettanti per uso domestico. E’ inoltre usata nella produzione di pavimenti in PVC e tessuti a livello industriale per realizzare tappeti e tende.

E’,infine, massicciamente presente nel fumo di sigaretta e nel fumo delle apparecchiature domestiche che bruciano un combustibile, come le stufe a gas, quelle a legna o a kerosene.

IN AUTOMOBILE

I componenti dell’automobile sono fabbricati con l’uso massiccio di formaldeide, oltre ad altri plastificanti tossici come ftalati e bisfenolo A. Mantenerne costantemente ventilato l’ambiente.

OUTDOORS

La formaldeide è presente nelle emissioni di centrali elettriche, fabbriche, inceneritori, automobili, camion ecc.

INGESTIONE

La formaldeide entra nel nostro corpo non solo attraverso la respirazione, ma anche per ingestione in particolare, di Aspartame e dolci, bibite “diet”, caramelle, chewing gum con dolcificante a base di Aspartame (che all’interno dell’organismo si scompone in metanolo e, ulteriormente, in formaldeide) o a causa degli imballaggi e delle attrezzature per le lavorazioni industriali degli alimenti, quali contenitori, tubazioni e vasi, che vengono disinfettati con questo battericida.
E’ contraddistinta dalle sigle E240 e E239. Quest’ultimo è un conservante di sintesi ricavato dall’ammoniaca e dalla formaldeide, un additivo che ha provocato mutazioni genetiche negli animali da laboratorio.

personal care productsVIA DERMICA

Le soluzioni acquose di formaldeide trovano largo impiego come disinfettanti per uso domestico, e come conservanti nei prodotti d’igiene e cura personale quali gli shampoo, il sapone liquido, i dentifrici e il bagno schiuma.

L’industria dei cosmetici non usa generalmente formaldeide direttamente, ma utilizza alcuni composti che, una volta aggiunti all’acqua, si decomporranno lentamente, formando molecole di formaldeide, mantenendo in tal modo il prodotto integro più a lungo sugli scaffali.

IN QUALI COSMETICI PUO’ ESSERE PRESENTE?

Smalto per unghie, colla per unghie, colla per ciglia finte, gel per i capelli, prodotti per rendere lisci i capelli, baby shampoo, bagno schiuma, ecc.

COSA CERCARE IN ETICHETTA?

Per individuare le sostanze dietro le quali si nasconde la formaldeide cercare in etichetta:form small takot
- Formaldehyde,
- DMDM hydantoin
- Imidazolidinyl urea
- Diazolidinyl urea
- Quaternium-15
- Bronopol (2-bromo-2-nitropropane-1,3-diol )
- 5-Bromo-5-nitro-1,3-dioxane
- Hydroxymethylglycinate
- sodium hydroxymethylglycinate

L’uso della formaldeide viene limitata per legge allo 0,2% nei prodotti di cura personale. L’Unione Europea ammette fino a 2000 parti per milione di formaldeide libera, abbastanza da causare una dermatite allergica o a irritare la pelle (secondo alcuni studi bastano 200-300 parti per milione).

I VACCINI Tracce di formaldeide sono, infine, presenti in alcuni vaccini. Il battericida è usato per sterilizzare il contenuto.

CONSEGUENZE PER LA SALUTE

Composto chimico organico molto volatile, fortemente irritante per gli occhi e le vie respiratorie anche a seguito di una breve esposizione. Provoca gravi danni al sistema immunitario e a quello nervoso. La formaldeide è stata collegata alle allergie, all’asma, a un tumore, delle vie respiratorie - il carcinoma nasofaringeo – e, secondo sia la IARC sia l’Organizzazione mondiale della Sanità, vi “un’evidenza elevata, ma non sufficiente a comprovare un’associazione causale, che un’esposizione occupazione alla formaldeide causa la leucemia”. E’ stato ipotizzato “un legame fra la formaldeide rilasciata dal metabolismo dell’aspartame e l’aumento dell’incidenza di tumori cerebrali”. L’esposizione alla formaldeide è stata, inoltre, associata a infiammazione e tossicità del tratto gastrointestinale.

Perché, malgrado le prove scientifiche della sua pericolosità, la formaldeide non è totalmente sostituita da sostanze innocue ma con proprietà similari?
Secondo Wikepedia, “il valore delle vendite di formaldeide e prodotti derivati supera i 145 milioni di dollare nel 2003, circa 1,2% del prodotto interno lordo degli USA e Canada messe assieme”, con oltre 4 milioni di persone impiegate.

form small COME EVITARLA

Indoor:

- acquistare mobili in legno massello, mobili antichi o vintage o mobili contrassegnati dal marchio FF (senza formaldeide/formaldehyde-free) o E1 (a bassa emissione);
- scegliere parquet in legno massiccio o contrassegnati dalla dicitura Ecolabel;
- scegliere resine, vernici, solventi e colle contrassegnati dalla dicitura Ecolabel e, in generale, materiali da costruzione naturali;
- scegliere fornelli elettrici o usare la cappa di aspirazione mentre si cucina e arieggiare bene gli ambienti dopo aver cucinato.
- evitare di fumare in casa;
- mantenere sempre la casa ben arieggiata e arredatela con piante d’appartamento dal fogliame fitto, capaci di assorbire gli inquinanti presenti nell’ambiente domestico;
- Pulire e disinfettare con prodotti ecologici.

Ingestione

Evitare tutto ciò che contiene aspartame, dalle bibite diet alle chewing gum, e, per quanto possibile, gli alimenti industriali. Evitare gli alimenti contrassegnati dalle sigle E239 e E240.

Cosmetici

Minimizzare l'uso di cosmetici, scegliendo oli e creme naturali. Controllare, comunque, sempre le etichette evitando formaldeide e i composti sopra indicati. Scegliere i cosmetici che usano un conservante come il sodium benzoate. Controllare gli ingredienti dei cosmetici nella banca dati dell’Environmental Working Group ove sono presenti informazioni circa la tossicità o meno di ognuno. 

FONTI ON LINE

U.S. EPA, Toxicity and Exposure Assessment for Children’s Health

EXPOSING THE COSMETICS COVER-UP: IS CANCER-CAUSING FORMALDEHYDE IN YOUR COSMETICS? By Johanna Congleton, EWG Senior ScientistBy Johanna Congleton, EWG Senior Scientist

FORMALDEHYDE AND FORMALDEHYDE-RELEASING PRESERVATIVES

FORMALDEHYDE 

Food Info: E240: Formaldehyde

BIBLIOGRAFIA

Guida tascabile agli dditivi alimentari, di Corinne Gouget

The Toxic Consumer di Elizabeth Salter Green and Karen Ashton