in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

SOS ormoni, interferenti endocrini

SOSORMONI intro

di Patrizia Marani

Interferenti endocrini, se li conosci li eviti Sostanze tossiche pericolosissime e onnipresenti nei prodotti di largo consumo, gli interferenti endocrini, mimano o bloccano l'azione degli ormoni endogeni dell'organismo, distruggendo il delicato equilibrio del complesso sistema di segnalazione interna del nostro corpo, il sistema endocrino. I danni sono incalcolabili. Sapere chi sono e come agiscono all'interno del corpo umano è il primo passo per riuscire ad evitarli.

La funzione dei nostri messaggeri chimici

Il corpo umano è una struttura complessa, perfettamente regolata e armonizzata, grazie ad un efficiente sistema di comunicazione interno che unisce il cervello a tutti gli altri organi e ne coordina l'azione, il sistema endocrino.

IE sistema endocrino2I nostri messaggeri chimici, gli ormoni, secreti dalle ghiandole che compongono il sistema endocrino, circolando nel sangue, percorrono tutto il nostro corpo, come su un'autostrada che colleghi diverse città italiane da Aosta alla punta più a sud della Puglia. Dalle ghiandole annidate nel cervello – la pineale e la pituitaria - alla tiroide, incastonata alla base del collo, la via di comunicazione prosegue verso il timo, nel centro del torace, raggiunge lo stomaco dove incontra le ghiandole surrenali, poi il pancreas e giunge, infine, agli organi riproduttivi, le ovaie femminili o i testicoli maschili. L'efficienza del sistema endocrino è, dunque, centrale alla buona condizione di innumerevoli organi.

Questa importante arteria di comunicazione prende forma durante i nove mesi di gestazione, quando partono i primi messaggi ormonali che plasmano il nostro corpo, cervello incluso, e la nostra psiche e che condizioneranno tutta la vita adulta della persona. Qualsiasi sostanza di sintesi capace d'interferire nella sinfonia ormonale del corpo umano andrà a spezzare un sistema perfettamente integrato di comunicazione, con conseguenze estremamente gravi per la salute dell'organismo.

Da una ventina d'anni, la ricerca scientifica più all'avanguardia punta il dito verso una categoria di composti chimici presenti in prodotti di larghissimo consumo che sta avendo effetti dirompenti sul sistema riproduttivo d'ogni specie vertebrata, dai pesci all'uomo, mettendo in pericolo i meccanismi stessi che sostengono la vita.
L'era della chimica ha introdotto sul pianeta e nelle nostre case una miriade di sostanze multipotenti capaci d'interferire con il sistema corporeo che è alla base della riproduzione, delle funzioni cognitive, del metabolismo, della digestione e dell'equilibrio ormonale. Il sistema endocrino concorre, dunque, a regolare la crescita dell'organismo, all'utilizzo delle sostanze alimentari per produrre energia, alla gestione dello stress e alla riproduzione.

Ma come attuano la loro opera nefasta queste sostanze?Interferenti recettori sos 2

"Gli ormoni circolano nel sangue e vengono catturati dai recettori presenti nelle cellule. Ogni ormone agisce come una "chiave", capace di aprire soltanto alcune serrature. Quando l'ormone ed il recettore s'incastrano perfettamente, la cellula riceve un messaggio chimico, un'istruzione, come ad esempio quella di produrre una certa proteina, o di moltiplicarsi.
Le sostanze che interferiscono con questi messaggi s'infilano nelle serrature-recettori, sostituendosi con l'inganno alle chiavi ormonali, di cui imitando il segnale" (Fonte: Istituto Ramazzini).

Quali danni causano?

La definizione inglese, gender benders, è un modo un po' esotico per designare questi composti di sintesi che, appunto, piegano, modellano il genere, intercettando e modificando i messaggi ormonali sessuali. Sul sesso maschile l'esposizione in utero o successivamente nella vita a centinaia di prodotti chimici che mimicano l'azione degli estrogeni, gli ormoni femminili, potrebbe essere all'origine dell'aumento vertiginoso delle malformazioni genitali maschili, dei tumori del testicolo e dell'infertilità maschile dovuta a una minore mobilita', quantita' e peggiore qualita' dello sperma maschile delle ultime generazioni. Una coppia su sei, infatti, non e' fertile: fra le cause, oltre al fatto che la donna inizia ad avere figli in eta' piu' avanzata, vi puo' essere una diminuzione della fertilita' maschile generata da questi ormoni sintetici. 

Per quanto riguarda le donne, vi è un aumento vertiginoso dei tumori dell'apparato riproduttivo, dei tumori alla mammella e delle pubertà precoci.

Nel mondo animale gli episodi si moltiplicano ormai da decenni: quantità infinitesimali di diossina fanno precipitare la conta spermatica nei topi; gli embrioni di gabbiano maschi esposti a DDT sviluppano del tessuto ovarico; i PCB che agiscono in momenti particolari dello sviluppo embrionale trasformano le tartarughe e gli alligatori maschi in femmine o individui intersex, per citare solo alcuni episodi.

Se si considera solo l'interferenza con l'azione degli estrogeni, i danni sono comunque ingenti giacché questi ormoni presenti nella donna come nell'uomo, seppur in minor quantità, influiscono praticamente su tutti gli organi, esercitando un'azione sulle funzioni ossee, quelle cardiovascolari, quelle immunitarie e nervose, per non parlare della riproduzione. Per approfondire quest'ultimo aspetto, seguiteci nel prossimo articolo di questa serie, "Il grande inganno".

Per riassumere, gli interferenti endocrini sono*:

PERSISTENTI - Emivita dai 7 ai 10 anni;

LIPOFILICI  - Si accumulano nell'adipe. NeL feto si accumulano nel sistema nervoso centrale (chissà perché aumentano i casi di deficit di attenzione e iperattività.....), non sono biodegradabili;

EFFETTI SUGLI ORMONI;

EFFETTI ONCOGENI;

EFFETTI SINERGICI di tossicità tra singole sostanze a dosi ritenute sicure!!

DANNI EPIGENETICI.

CHI SONO?*: 

ORGANOALOGENATI (PBB, PCB, diossine e furani, esaclorobenzene, pentaclorofenolo, ...)

PESTICIDI (più di 50 fra quelli più usati, fra i quali il glyphosate, principio attivo del Roundup, famigerato erbicida Monsanto. 

FTALATI (DEHP, BBP, DBP, DHP), dove ci sono plastiche morbide ci sono ftalati.....

METALLI  Arsenico, cadmio, uranio impoverito, piombo, mercurio......

FARMACI Estrogeni artificiali, pillola contraccettiva, DES, cimetidina-tagamet.

BPA, Bisfenolo A (rende dure e resistenti le plastiche).

ALTRI Fenoli, benzopirene, metano, metanolo, nitrotoluene, butilbenzene, ecc.

COME EVITARLI?

Dedicheremo un intero articolo a questo importante tema data l'onnipresenza di queste sostanze. Le linee guida generali sono: minimizzare l'uso della plastica in cucina e per la conservazione o il trasporto degli alimenti; mangiare biologico per evitare i pesticidi ormono-mimici; comprare alimenti freschi e di stagione, non confezionati nella plastica; minimizzare gli alimenti in scatola; bere succo di frutta fresco non confezionato; utilizzare biancheria e abiti di tessuti naturali; usare meno cosmetici e profumi e solo quelli di origine naturale; solo profumi e saponi naturali.   

Leggete la prossima puntata: "Il grande inganno": come agiscono gli ormoni di sintesi rilasciati da una marea di prodotti di consumo "rendendo, almeno in laboratorio, Topolino e Topolina più simili l'uno all'altra" (per citare la famosa frase della maggiore studiosa di interferenti endocrini, Shanna Swan). 
Leggete 'Maschio in crisi" per approfondire gli effetti sul sistema riproduttivo maschile
Guardate il documentario in lingua inglese "Plastic Planet", sui danni della plastica all'equilibrio ormonale maschile.
Leggete l'articolo 25 mosse per evitare la minaccia tossica nella nostra vita quotidiana
Consultate Tabella dei veleni nei prodotti di consumo: se li conosci li eviti
FONTI:
Prenatal Phthalate Exposure and Anogenital Distance in Male Infants
Pilot Study Relates Phthalate Exposure to Less-Masculine Play by Boys 
Il sito del libro "Our Stolen Future", bibbia ambientalista inedita in Italia. Il primo a lanciare l'allarme sugli interferenti endocrini nei prodotti di consumo e la loro azione sul corpo umano e animale in genere. 
Phys Org: Study notes decline in male births in the US and Japan http://phys.org/news95336450.html
Lo studio dell'Università Erasmus di Rotterdam: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12361940
Importante documentario in lingua inglese The Disappearing Male che approfondisce una per una queste tematiche.
Ted talk di Shanna Swan, grande scienziata che cerca da anni di rompere il muro di gomma che circonda queste sostanze e la loro azione sulla riproduzione maschile, in lingua inglese
25 mosse per evitare la minaccia tossica nella nostra vita quotidiana
Tabella dei veleni nei prodotti di consumo: se li conosci li eviti

http://www.ourstolenfuture.com/
Endocrine Disruptors in Bottled Mineral Water: total estrogenic burden and migration from plastic bottles, Marin Wagner, Jorg Oehlmann
Endocrine disruptors in Wildlife, Gerald T. Ankley, John P. GiesyIstituto Ramazzini, Centro di Ricerca sul Cancro e le Malattie Ambientali Cesare Maltoni: materiale divulgativo*http://www.ourstolenfuture.org/newscience/behavior/behav.htmhttp://www.env-health.org/news/latest-news/article/revising-the-eu-strategy-on

Bibliografia

Our Stolen Future, Theo Colborn et al.
Woman, an Intimate Geography, Natalie Angier
The Toxic Consumer, Elizabeth Salter Green, Karen Ashton