in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

Auto elettrica si può

electric rodrigo  soldon showcasw
di Patrizia Marani

GLI ULTIMI MODELLI: QUELLI PIU' ECONOMICI E LE LORO CARATTERISTICHE Su ogni automobile dovrebbe essere apposta la scritta: da maneggiare con cautela....da usare solo quando alternative più salubri, come camminare o la bicicletta, non sono possibili. Detto questo, l'auto elettrica è conveniente? Certamente per la salute nostra e dei nostri figli! Vi basta come motivazione per passare all'elettrico o almeno ad un'ibrida (sempre tenendo in mente che il diesel inquina 100 volte di più di una vettura a benzina)? Se sì, l''auto 'full electric' offre un servizio all'altezza di quello delle sue sporche concorrenti a benzina? Ed è economicamete fruibile per tasche per così dire 'medio-basse'?

electric abunto.de showcase

L'inquinamento da traffico è una delle cause principali di gran parte dei tumori di origine ambientale, fra cui il cancro ai polmoni, delle leucemie infantili e delle neoplasie infantili in genere, delle riniti allergiche, dell'asma allergica e della bronchite cronica.

Ma come sfruttare gli aspetti positivi dell'auto, minimizzandone i danni? La tecnologia elettrica comincia ad offrire delle soluzioni interessanti anche per tasche dal potere d'acquisto medio-basso, soprattutto grazie agli attuali incentivi governativi. Iniziano ad esserci dei modelli economicamente appetibili e dotati di un'autonomia che le rende utilizzabili come unica vettura familiare, quindi anche sulle lunghe distanze. Tenendo sempre conto che non si può prescindere da un cambiamento di stile di vita che alterni l'utilizzo di quella che può essere definita, nel bene e soprattutto nel male, l'icona stessa del nostro tempo – l'automobile – a mezzi di locomozione 'naturale' e al trasporto pubblico, autobus e treni, soprattutto per le più lunghe distanze.

Le ibride elettrico-diesel o elettrico-benzina sono ormai una realtà che non fa rimpiangere in nulla l'auto a benzina e che riduce notevolmente l'emissione di gas inquinanti. Le auto elettriche ad autonomia estesa sono in parte riuscite a superare i difetti tipici della categoria: costo dell'elettricità, scarsa autonomia, lunghi tempi di ricarica e prestazioni nettamente inferiori rispetto a quelle delle auto a benzina. Analizziamone alcuni in riferimento alle elettriche più economiche:

AUTONOMIA I 140 km sono ormai di appannaggio anche delle piccole city car. Alcuni modelli più potenti permettono la percorrenza di 180-200 km con una carica.
CARICA E' ora effettuabile in tempi sempre più brevi. Ad esempio, Nissan Leaf e Kia Soul Ev (d'imminente debutto) impiegano circa 30 minuti nelle stazioni di ricarica rapida. Le nuove regolamentazioni, inoltre, permettono d'installare delle piccole stazioni di ricarica nel proprio garage.
Sul sito www.goelectricstations.it è possibile creare il proprio itinerario cercando le colonnine elettriche dei maggiori gestori italiani e del mondo. Basta inserire l'indirizzo per conoscere disponibilità, distanza, tempo per raggiungere la colonnina, connettori di ricarica e altre informazioni utili.
COSTI DELL'ELETTRICITA' Il rischio è, 1 di continuare ad inquinare indirettamente attraverso il consumo di elettricità di origine fossile usata dall'auto elettrica, e 2 di pagare in elettricità quello che non si paga per la benzina. La soluzione per entrambe le questioni è dare la caccia alle migliori offerte flat delle compagnie elettriche che producono energia da fonti rinnovabili – digitare su google: fornitori di energia green -, sempre più presenti sul mercato italiano. La tariffa accettabile è di 0.20 centesimi per kWh che, con un percorso di 15.000 km all'anno, sono pari a un esborso di 375 €, vale a dire 0.025 centesimi per km percorso, un costo molto più vantaggioso degli 0.10 centesimi al chilometro di una già economicissima Panda 1.2 a benzina.
RIPARAZIONI Il risparmio sulle riparazioni e manutenzioni classiche è un altro punto a favore della mobilità elettrica. L'usura delle batterie – parte molto costosa della macchina elettrica – è una sfida che la tecnologia elettrica sta vincendo. Le batterie al litio o ai polimeri, infatti, hanno una durata ragguardevole, confermata dai lunghi periodi di garanzia concessi da case come la Nissan Leaf – 5 anni – e la Kia Soul Ev – 7 anni.

I VANTAGGI Vi sono innegabili vantaggi derivanti da una mobilità elettrica, che variano in dipendenza delle diverse città. Quelli più frequenti sono: parcheggi urbani, normalmente a pagamento, gratuiti e accesso alle zone a traffico limitato.

In questo articolo analizzeremo i veicoli elettrici più economici e le loro caratteristiche, tenendo conto che ai prezzi indicati vanno detratti i 5000 euro pieni di ecoincentivi, trattandosi di "fully electric", auto elettriche al 100%:

Le prime sono due piccole auto a marcata vocazione urbana:

Renault Twizy, agile e con caratteristiche simili a quelle di una moto, ma che rispetto a quest'ultima offre protezione da vento e pioggia, grazie alla tettoia, e una maggiore stabilità dovuta alle 4 ruote. Ha una velocità massima di 45 km/h con un'autonomia di 100 km/h. E' omologata come quadriciclo. Costa circa 7mila euro.

NWG, una electric car made in Italy interamente progettata e costruita da un'azienda di Prato, la NWG (New Winners'Generation). La piccola city car vanta ben 140 chilometri di autonomia in modalità "economy" con una velocità massima che raggiunge i 100 chilometri orari nella modalità "race mode". Si ha la possibilità, effettuando la ricarica delle batterie in casa propria con l'apposito adattatore, di scegliere la velocità di ricarica appropriata, standard o superfast per ricariche veloci (1 ora). Può essere guidata a partire dai 16 anni di età e presenta ulteriori vantaggi in fatto di costi quali l'esenzione dal bollo per i primi cinque anni e la riduzione del 50% sull'assicurazione. Ottima tenuta di strada, dovuta ad una studiata e attenta distribuzione dei pesi e alla modalità "rain mode" che garantisce stabilità anche in condizioni di poca aderenza. Prezzo, 20.000 euro.

Le successive sono vetture utilizzabili sulla più lunga distanza:

Renault Zoe: un 5 porte con motore elettrico da 60 kW e autonomia di circa 160-210 km, Velocità massima 135 km/h. In decelerazione interviene il sistema "Range Optimizer" che recupera l'energia in frenata. La frenata rigenerativa è molto comoda perché, guidando con attenzione, si può quasi evitare di utilizzare il freno meccanico che, invece, spreca l'energia cinetica, dissipandola sotto forma di calore. Il cruscotto digitale indica continuamente se si è in fase di consumo o di recupero energetico. Le manovre di parcheggio sono agevoli, anche grazie ai sensori posteriori con telecamera. Grazie al connettore a bordo auto Chameleon, Renault ZOE può ricaricarsi con qualunque livello di potenza, da 3 kW in 9 ore – ovvia ricarica casalinga notturna -, a 22 kW in un'ora, e persino a 43 kW in soli 30 minuti. E' una delle vetture più economiche, a partire da € 21.850,00 €, ma a cui va aggiunto purtroppo un canone di noleggio delle batterie di circa 80-100 euro al mese, che non la rende accessibile a molte tasche.

Smart Fortwo Electric Drive. Dotata di un motore elettrico da 55 kW (75 cv) di potenza, raggiunge la velocità massima di 125 km/h e accelera da 0-60 km/h in 4,8 secondi, ricaricabile con una normale presa elettrica, vanta un'autonomia di circa 150 km. Se si acquistano le batterie insieme all'auto, il prezzo ammonta a 23.680 euro per la versione Coupé e 26.770 euro per quella Cabrio.

Renault Fluente Z.E. la versione elettrica della "world car" francese, che offre comfort e spazio a zero emissioni velocità massima 135 km/h, con potenza da 95 cavalli e cambio automatico. Modello di fascia media, garantisce fino a 160 chilometri di autonomia, ma effettivi, in città, possono scendere a 80-110. Infatti, il vero limite di questo modello è che il motore elettrico (70 kW e 226 Nm di coppia) dovrà trainare una massa di 1.545 kg. Il prezzo è di € 28.500 a cui bisogna aggiungere il solito canone mensile di 82 euro per una percorrenza fino a 10.000 km/anno per il noleggio delle batterie.

Citroen C-Zero, citycar con velocità massima di 130 km/h e autonomia di 150 km, dotata dello stesso propulsore da 67 cavalli della "cugina" iOn, offerta con un listino a partire da 28.231 euro.

Peugeot iOn, citycar elettrica da 67 cavalli, silenziosa e comoda. L'autonomia non va oltre i 150 km, un valore teorico che, nel traffico cittadino e con l'aria condizionata accesa, scende a non più di 75 km. Offerta a partire da 28.318 euro.

Nissan leaf article

Nissan Leaf: ottima 5 porte, agile e coinvolgente nella guida – nulla da invidiare ai modelli equivalenti a benzina – con il plus della silenziosità tipica dell'elettrico, spaziosa e dal motore sincrono da 80kW - 280 Nm di coppia e di spinta istantanea (meglio di un'Audi TT da 272 CV). Il modello 2014 presenta una velocità effettivamente raggiungibile di 144 km/h, con tempi di accelerazione da 0 a 100 km/h di 11,5 secondi e un'autonomia 199 chilometri km. Assolutamente da cogliere l'optional del caricabatterie integrato da 6,6 kW, che può utilizzare le colonnine a 32 A e dimezzare i tempi di ricarica da 8 ore a 4 ore. Gli interni delle versioni Acenta e Visia, sono rivestiti di tessuto "bio", ricavato dalla canna da zucchero, per emissioni di CO2 nulle. Disponibile in versione Acenta, Visia e Tekno.
VISIA: 30.690 euro, con noleggio batteria 24.790 euro;
ACENTA: 33.690 euro, con noleggio batteria 27.790 euro;
TEKNA: 36.090 euro, con noleggio batteria 30.190 euro.
Con incentivi statali: VISIA: 24.716 euro, con noleggio batteria 19.996 euro;

 ACENTA: 27.640 euro, con noleggio batteria 22.396 euro;
TEKNA 30.040 euro, con noleggio batteria 24.316 euro

Mitsubishi i Miev: piccola citycar a forma bombata, interamente elettrica e a zero emissioni, ha un'autonomia di 160 kilometri per ricarica completa, anche da una normale presa elettrica. Prezzo a partire da € 31.950.

kia soul electric

In arrivo nella seconda metà del 2014, Kia Soul Ev, la versione elettrica della classica Kia Soul: dotata di circa 200 chilometri di autonomia, si ricarica in meno di 5 ore con una presa da 240 volt, (si sale a 24 ore con un impianto da 120 volt.) e in 33 minuti all'80% con un sistema di ricarica rapida. Per quanto riguarda estetica e design, la versione ecologica non presenta alcuna differenza rispetto alla tradizionale Kia Soul. A essere cambiata, dunque, non è la carrozzeria bensì l'anima, diventata appunto elettrica. Il motore implementato è tra i più potenti della generazione elettrica: con 81,4 Kw e 285 Nm di coppia, è un motore da centoundici cavalli. La velocità massima raggiungibile a bordo della nuova Kia Soul EV è di 145 chilometri orari. Scatta da zero a cento chilometri all'ora nell'arco di dodici secondi. La batteria che alimenta il motore è ai polimeri e ioni di litio. Ecosostenibile è anche l'equipaggiamento dotato di luci LED dal consumo estremamente ridotto, mentre le rifiniture sono realizzare con materiali naturali o addirittura riciclati, come ad esempio bio-plastiche e bio-tessuti che rendono l'aria dell'abitacolo privo di emissioni di sostanze tossiche tipiche delle plastiche trazionali (il Bisfenolo A, notorio interferente endocrino). Anche le vernici sono composte da ingredienti di ultima generazione che non inquinano. Una volta immessa sul mercato internazionale, la Kia Soul EV potrà contare sul programma Kia "Clean Mobility", che prevede l'installazione di colonnine di ricarica nei luoghi in cui l'auto verrà messa in commercio. Il prezzo per tanto ben di Dio è ancora misterioso, segnalato in un solo sito a 18.500 euro (ma con o senza batteria?).

Come vedete, auto elettrica si può, in particolare grazie agli attuali ecoincentivi. e con essa, città più vivibili e sane. Attiviamoci!

FONTI

Inquinamento atmosferico da traffico e rischio tumori Istituto Superiore della Sanità http://www.iss.it/binary/aria/cont/Annali%20362000.1234857882.pdf
http://www.goelectricstations.it
http://www.motori.it
www.panorama-auto.it
www.autoblog.it
http://www.panorama-auto.it

ITINERARI IN AUTO ELETTRICA - COLONNINE