in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

La bancarotta globale del cibo

di Maurizio Marna

Foto intro SPREALIM2

Un rapporto pubblicato lo scorso Settembre 2013, a cura della Food and Agriculture Organization of the United Nations - FAO, sottolinea che gli sprechi alimentari influiscono "sul clima, le risorse idriche, il suolo e la biodiversità". All'anno la cifra di questo pozzo senza fondo raggiunge i 750 miliardi di dollari. Sì, avete letto bene: 750 miliardi di dollari.

Leggi tutto: La bancarotta globale del cibo

Apri e getta: lo spreco alimentare italiano

di Maurizio Marna

Foto intro SPREALIM

Cos'è il WASTE WATCHER?  Si tratta, lo si legge nel sito www.wastewatcher.it, di un " ...Osservatorio permanente sugli sprechi alimentari delle famiglie italiane, prodotto da Last Minute Market società spin-off dell'Università di Bologna. Waste Watcher è basato sulla rilevazione campionaria di opinioni, comportamenti e giudizi degli italiani circa il fenomeno dello spreco domestico.........si propone di fornire alla collettività strumenti di comprensione delle dinamiche sociali, comportamentali e di stile di vita che generano e determinano lo spreco delle famiglie, al fine di costituire una base di conoscenza per le decisioni pubbliche e private relative allo spreco..."

Leggi tutto: Apri e getta: lo spreco alimentare italiano

Fino all'ultima goccia

di Maurizio Marna

Foto intro GOCCIA

Gli allarmi sono stati lanciati da tempo. Idrologi e climatologi hanno accertato che il global warming ha già causato effetti rilevanti sul ciclo delle acque e il problema sarà purtroppo destinato ad aggravarsi, soprattutto nel bacino del Mediterraneo. Sono cose note, meglio dire notissime, sebbene l'informazione tradizionale sia di carattere 'spottivo', leggi evento posto sotto le luci della ribalta e destinato a scomparire presto.

Leggi tutto: Fino all'ultima goccia

Moto ondoso in aumento

di Biosight

Foto introBIS Motond

L'Intergovernmental Panel on Climate Change(IPCC) è un organismo internazionale/intergovernativo, costituitosi nel 1988 ad opera della World Meteorological Organization(WMO) e dello United Nations Environment Programme(UNEP). Il suo scopo è quello di fornire ai vari governi valutazioni di carattere scientifico, inerenti gli studi sul cambiamento climatico, gli effetti da esso provocati, le possibili soluzioni. Il lavoro dell'IPCC viene poi arricchito con il contributo di altre importanti organizzazioni internazionali, intergovernative, non governative e ogni stato ha un Focal Point IPCC, in grado di coordinare le attività connesse con la propria realtà nazionale. Perché ne parliamo?

Leggi tutto: Moto ondoso in aumento