in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

Quale fonte di energia?

energie alternative art1 intro

Il tempo sta per scadere, bisogna vincere le resistenze economiche e politiche

di Patrizia Marani

Assieme all'acqua e in virtù dell'energia solare, sono tre gli elementi chiave che, in un ciclo metabolico incessante, hanno reso possibile la vita sulla terra per centinaia di milioni di anni: carbonio, azoto e zolfo.

L'impronta umana su questi processi naturali è stata, per ben 8 milioni di anni, invisibile. Ma dalla seconda rivoluzione industriale, avvenuta circa un secolo e mezzo fa, ci siamo vieppiù allontanati dal grembo di Madre Natura, rompendone i sottili equilibri.

 Le emissioni di anidride carbonica (CO2), anidride solforosa (SO2) e ossidi di azoto (NOx), causate da una produzione di beni e servizi imponente e possibile solo grazie all'uso di quantità enormi d'energia tratta dai combustibili fossili, stanno interferendo con la chimica planetaria e, specialmente, con il ciclo del carbonio, mettendo a rischio l'abitabilità della biosfera. Dalle temperature estive incandescenti al ritiro generalizzato dei ghiacciai all'aumento del livello dei mari e delle calamità naturali, stiamo assistendo a spaventosi ed epocali rivolgimenti.

Gaia, la grande tela della vita  Richard Lovelock - lo scienziato teorico di Gaia, un grande sistema vitale terrestre totalmente interconnesso e interdipendente - sospetta l'esistenza di "una soglia di temperatura o di livello d'anidride carbonica oltre la quale nessuna misura presa potrà più sortire alcun risultato e la terra muoverà inesorabilmente verso un nuovo stato estremamente caldo. Siamo ormai vicini a quel punto critico.." *, il punto di non ritorno.

Del pari agli abitanti dell'isola di Pasqua che distrussero le foreste che sostenevano la vita sull'isola per erigere i loro tanto giganteschi quanto inutili idoli, l'orologio sta battendo la mezzanotte della nostra civiltà, divorata dai suoi totem consumistici, esportati ora su scala globale, per far fronte ai bisogni di un numero esponenzialmente crescente di umani che conducono o aspirano ad "uno stile di vita da primo mondo".*
Non bisogna porre tempo in mezzo, ma quali fonti di energia, congiuntamente ad una limitazione dei consumi, ci possono permettere di virare di direzione?

Esiste una manciata di progetti allo studio per mettere una pezza al riscaldamento climatico attraverso la manipolazione del clima fra cui, la dispersione di aerosol nella stratosfera, la promozione della formazione di nuvole, il posizionamento di uno schermo solare a più di 1,5 milioni di chilometri dalla terra e il sequestro di CO2 attraverso processi naturali o seppellendola sottoterra. Si prefigura un'escalation di rimedi ciclopici che eliminerebbero i sintomi, senza guarire la malattia e non sono privi a loro volta d'effetti collaterali e pericoli.

La vera soluzione è quella di sostituire i combustibili fossili con fonti alternative di energia. La provocazione di Lovelock è che, essendo la terra così vicina al punto di non ritorno, sia necessario adottare una tecnologia ponte, quella che trae energia dalla fissione nucleare, a suo avviso l'unica capace di ridurre prontamente le emissioni di anidride carbonica e traghettarci verso l'adozione futura delle rinnovabili, molte delle quali sarebbero ancora nella loro infanzia. Ma è tale proposta solo una provocazione o vi sono presupposti scientifici che la giustificano?

Il mistero si fa sempre più fitto. Quali fonti energetiche possono mantenere accese le luci della civiltà, sostituendo velocemente i combustibili fossili? Seguiteci nel secondo articolo della serie, "Nucleare: meglio dei fossili?". 

 

PER APPROFONDIMENTI

Nucleare, meglio dei fossili? Esiste anche un nucleare pulito, perché non viene ancora sviluppato, quali sono gli ostacoli?

Energia solare, gli ostacoli

O sole mio, il solare supera ormai tutte le sfide

Il soffio di Eolo: tutti i pro e contro della tecnologia eolica e le riduzioni di emissioni di gas serra conseguenti.tutti i pro e contro della tecnologia eolica e le riduzioni di emissioni di gas serra conseguenti.

La vera storia delle biomasse 

FONTI: 

The Revenge of Gaia - James Lovelock

Energia per un futuro sostenibile, Armaroli e Balzani