in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

La casa ecologica è una foresta

piante disinquinanti intro2

di Patrizia Marani

Non solo le piante possono abbellire le nostre abitazioni, ma sono anche dei filtri naturali degli inquinanti che vi si annidano – 2° parte

Più le piante che decorano il nostro ambiente domestico o l'ufficio in cui lavoriamo sono sane e vigorose, meglio espletano un importante servizio per noi umani. Se si è nell'impossibilità di farsi costruire una casa in bioarchitettura, se viviamo in un'area molto inquinata o d'inverno temiamo gli spifferi d'aria gelida e non possiamo aprire le finestre, c'è sempre una luce in fondo al tunnel dell'inquinamento domestico: le piante disinquinanti.

La ricerca scientifica ha rivelato che le piante d'appartamento possono costituire un buon compromesso, giacché sono dei depuratori naturali dell'aria, quella casalinga inclusa. Oltre a rendere più bello e rilassante il nostro rifugio domestico, infatti, lo rendono più sano. E' noto che è parte normale del processo di fotosintesi l'assorbimento di anidride carbonica e l'emissione di ossigeno, ma la scienza sta da decenni accumulando prove che le piante hanno la capacità di assorbire dall'aria una moltitudine di altre sostanze tossiche.

Negli anni '80, la NASA iniziò a fare ricerca sulle piante per rendere l'ambiente all'interno delle capsule spaziali, fortemente inquinato dalle sostanze volatili emesse dai componenti delle navicelle, adatto ad una lunga permanenza umana. Per due anni fecero esperimenti con piante che, crescendo nel sottobosco, sono più adatte agli interni, perché capaci di utilizzare al meglio per i propri processi di fotosintesi la poca luce che s'insinua fra i rami delle intricate foreste tropicali e sub-tropicali.

Sulla base delle raccomandazioni NASA, un appartemento di circa 75-80 m dovrebbe contenere fra 7 e 10 piante di dimensioni medie in vasi di diametro fra i 15 e i 20 cm.

piante disinquinanti benj smallUn Benjamin medio-grande in una saletta di dimensioni medie è in grado di assorbire buona parte della formaldeide emessa dal mobilio (qualora questi non sia di legno massiccio).

Ma come esercitano le piante tale funzione? E' noto che, durante il processo di fotosintesi tutte le piante assorbono anidride carbonica ed emettono ossigeno. Gli scienziati hanno scoperto che la fotosintesi permette, altresì, di assorbire dall'aria numerosi altri gas tossici.
Ogni pianta è 'specializzata' in una o più sostanze inquinanti e ha una diversa abilità disinquinante: vi sono, insomma, quelle più brave e quelle meno brave. Il meccanismo del processo di purificazione è complesso e può riassumersi come segue: le piante metabolizzano alcuni composti chimici tossici, rilasciando sottoprodotti innocui; incorporano sostanze tossiche, come i metalli pesanti, nei loro tessuti vegetali, in tal modo sequestrandoli dall'aria circostante. L'assimilazione clorofilliana delle piante permette di assorbire una gran parte degli inquinanti attraverso gli stomi, minuscoli fori presenti su tutte le parti erbacee delle piante, e di trasportarli con un procedimento metabolico fino alle radici.

Queste ultime hanno il compito di trasformare gli inquinanti in composti nutrienti, grazie all'aiuto di una moltitudine di preziosi microrganismi, o di immagazzinarli nelle loro cellule. Tale trasformazione permette di purificare con efficacia l'aria viziata degli spazi interni.
I microorganismi presenti nel terreno, infatti, si 'abituano' lentamente a queste nuove sostanze, divenendo a mano a mano sempre più abili nell'utilizzarle come alimento.

Il ruolo disinquinante è svolto, quindi, sia dalla parte aerea delle piante sia dal terreno su cui crescono, popolato da preziosi microrganismi, con una preponderanza di quest'ultimo. "Pertanto, per ottenere un filtraggio massimo dell'aria attraverso le piante, bisogna prendere in considerazione la possibilità di massimizzare l'esposizione all'aria e la sua circolazione attraverso l'area radici-terra,"* dove microorganismi simbiotici aiutano a rendere biodisponibili alla pianta le sostanze assorbite dall'aria.

Elenchiamo alcune delle 50 piante 'campionesse di depurazione' NASA e il loro ruolo di depurazione di alcuni dei più comuni inquinanti dell'ambiente domestico, tenendo conto che anch'esse non sono onnipotenti e dovrebbero far parte di una strategia più ampia di ripulizia dell'aria indoor (ad es. non si può fumare in casa e poi pretendere che il tronchetto della felicità elimini il benzene generato):

NOME PIANTA                                                                                                 INQUINANTE
Hedera helix (edera comune),                                                                          Formaldeide, benzene
Chlorophytum comosum (pianta ragno)                                                           Formaldeide*, monossido di carbonio
Epipremnum aureum (pothos dorato)                                                               Benzene, tricloroetilene, monossido di carbonio
Spathyphyllum "Mauna Loa" (spatifillo)                                                             Benzene
Aglaonema modestum (aglaonema)                                                                 Formaldeide
Chamaedorea seifritzii (palma di bambù)                                                         Benzene, formaldeide, tricloroetilene
Sansevieria trifasciata                                                                                      Formaldeide*
Philodendron scandens "oxycardium" (filodendro rampicante)                       Formaldeide
Philodendron selloum                                                                                        Formaldeide
Philodendron domesticum (filodendro domestico)                                            Formaldeide*
Dracaena marginata                                                                                         Xilene, tricloroetilene, benzene,
Dracena fragrans "Massangeana" (tronchetto della felicità)                            Formaldeide
Dracaena deremensis "Janet Craig"                                                                Formaldeide, benzene, tricloroetilene
Dracaena deremensis "Warneckii" (due strisce chiare ai lati della foglia)       Benzene
Ficus benjamina (e altri Ficus)                                                                         Formaldeide*
Dieffenbachia                                                                                                    Formaldeide e diversi altri
Bambù                                                                                                               Formaldeide
Aloe barbadensis                                                                                              Formaldeide
Poinsettia                                                                                                          Formaldeide
Chrysanthemum                                                                                               Formaldeide, benzene
Gerbera Jamesomnii                                                                                        Benzene, tricloroetilene, formaldeide
Anthurium andreanum                                                                                     Ammoniaca, xilene, toluene
Phalaenopsis (orchidee ad un solo fusto)                                                       Xilene, toluene, formaldeide

Negli ultimi anni, la ricerca nel settore è fiorita. In un articolo apparso su Hortscience, il dr Kuang Jin Kim segnala le felci, in particolare Osmunda Japonica, come specie vegetale campione contro l'inquinamento da formaldeide, selezionate su 86 specie di piante diverse scrutinate. Osmunda rimuove 6,64 microgrammi per cm2 di foglia in 5 ore. Oltre alle felci, fra le specie più comuni munite di tale abilità di assorbimento della formaldeide sono la lavanda e il geranio.

Gli scienziati, inoltre, rilevano la mancanza di semplici e poco costose apparecchiature che permettano alle persone di monitorare con facilità l'aria del loro ambiente domestico, e che potrebbe essere di grande utilità quando ci si accinge ad acquistare o ad affittare un appartamento o ufficio.

Per scoprire nel dettaglio tutti i possibili inquinanti indoor, la loro fonte e come evitarli, oltre a collocare le piante campioni di depurazione, leggete la 'tabella veleni nei prodotti di consumo'.

FONTI
*The NASA report Interior Landscape Plants for Indoor Air Pollution Abatement, September 1989, by Dr. B.C. Wolverton, Anne Johnson, and Keith Bounds, National Aeronautics and Space Administration, John C. Stennis Space Center, Stennis Space Center
** Phytoremediation of Indoor Air: NASA, Bill Wolverton, and the
Development of an Industry Gary W. Stutte, PhD. Space Life Science Laboratory, John F. Kennedy Space Center, Florida, USA
Planting Healthier Indoor Air, Claudio Luz Environ Health Perspect. 2011 October; 119(10): a426–a427. Published online 2011 October 1.
EPA, An Introduction to Indoor Air Quality.