in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

Allergia, sentinella della salute?

allergia sentinella intro
di Patrizia Marani

Ep. 7 QUAL E' LA RELAZIONE SEGRETA FRA ALLERGIA E MONDO MODERNO?

L'esistenza della reazione allergica rimane uno degli enigmi più indecifrabili del sistema immunitario. L'allergia sarebbe, infatti, dovuta ad un suo errore: le difese immunitarie, distraendosi dal loro scopo principe, quello di proteggere l'organismo, si scagliano inspiegabilmente contro elementi del tutto innocui come il polline e, per di più, lo fanno dispiegando la linea di difesa immunitaria detta di Tipo 2, vale a dire, il suo esercito secondario. Che significa cio?

Il sistema immunitario utilizza, infatti, strategie difensive diverse per proteggere l'organismo. La difesa da virus, batteri e funghi è attuata da un sistema coordinato di armate cellulari detto di Tipo 1. Mentre l'immunità di Tipo 2 sarebbe preposta alla difesa dai parassiti. Ma che c'entrano i parassiti con gli allergeni? Perché l'immunità di Tipo 2 si attiva, ad esempio, contro il polline che respiriamo o una nocciolina?

Polline mutante SMALL4Secondo l'origine igienica dell'allergia, un sistema immunitario immaturo, perché non sufficientemente stimolato nei momenti chiave del suo sviluppo da un mondo divenuto ormai troppo asettico e popolato da 'sterilizzati' figli unici, prenderebbe dei notevoli abbagli, scambiando per parassiti dell'innocuo polline e provocando delle reazioni allergiche totalmente ingiustificate, oltre che pericolose. Ma è davvero così, o c'è invece dell'altro? Che senso ha, per l'evoluzione della nostra specie, selezionare sempre più individui allergici al polline, l'elemento che è alla base della vita, o al cibo di cui ci nutriamo? Pare, davvero, nessuno.

Negli anni '90, spunta una nuova teoria. Per Margie Profet dell'Università della California, l'allergia, lungi dall'essere un errore del sistema immunitario, ha un'utilità evolutiva e servirebbe a proteggere l'organismo da tossine ed elementi cancerogeni. La risposta allergica appare vieppiù come un insieme di meccanismi specializzati adattivi, un'ultima linea di difesa dell'organismo che, quando i veicoli tradizionali d'espulsione degli elementi nocivi falliscono, li espelle attraverso il muco, il vomito, la dissenteria, gli accessi di tosse tipici delle allergie e dell'asma.

La temibile chiusura dei bronchi che avviene durante un attacco asmatico mirerebbe a creare una barriera ad elementi tossiciallergia sentinella small2 che starebbero cercando d'insinuarsi nell'organismo, e potrebbero danneggiarlo.Il muco, altresì, intercettando le molecole tossiche degli elementi chimici presenti nell'aria e costringendoci ad espellerle, pare che svolga un'azione protettiva dei polmoni e delle vie respiratorie da quegli stessi elementi tossici presenti nell'aria inquinata. Il numero esorbitante di casi d'allergia rifletterebbe dunque l'aumento esponenziale dell'inquinamento ambientale.

Malgrado i fastidi e la sempre maggiore pericolosità delle allergie, secondo Profet, i benefici apportati a lungo termine supererebbero indubbiamente i danni, dato che l'individuo allergico è spinto ad allontanarsi dall'ambiente o a evitare il cibo che gli provoca le notorie sgradevoli e pericolose reazioni. Tale evitamento lo porterebbe, quindi, ad allontanarsi da situazioni tossiche o nocive.

Da comprimarie immunologiche addette all'eliminazione di minacce ormai inesistenti, quelle dei parassiti, le IgE, l'esercito di anticorpi usato dall'immunità di Tipo 2, assurgerebbero in tal modo al rango di eroi immunologici.

Verso la metà degli anni '90, Polly Matzinger dell'Istituto per le Allergie e le Malattie Infettive di Bethesda ha ulteriormente lanciato il guanto della sfida alla visione dominante dell'allergia come errore del sistema immunitario. Matzinger suggerisce che tutte le risposte immunitarie traggono origine da segnali di allarme da parte di cellule ferite. Come per le malattie autoimmuni, il sistema immunitario non è necessariamente in errore, ma risponde invece a segnali di pericolo provocati da mutazioni a livello cellulare o da elementi patogeni e tossine ambientali.

Secondo entrambe le teorie, l'allergia non è più la conseguenza di un tragico errore del sistema immunitario, ma una cruciale reazione difensiva di rilevante importanza evolutiva dell'organismo, che cerca di proteggersi da aggressori interni ed esterni con tutti i mezzi biologici d'espulsione a sua disposizione, nessuno escluso. Le allergie proteggerebbero persino dai tumori, giacché si è osservata una correlazione inversa fra tumori e allergie, sino ad ipotizzare l'induzione di allergie nella cura del cancro.

Queste teorie dipanerebbero anche un altro mistero: perché le persone allergiche sono sovente individui con una salute di ferro, allorché, secondo l'ipotesi igienica, dovrebbero essere in possesso di un sistema immunitario in fallo, che sa far mostra di sé solo quando, in primavera, attiva le sue armate secondarie per scacciare dell'innocuo polline.

Le allergie, tuttavia, possono essere mortali, in caso di shock anafilattico. Secondo Ruslan Medhitov della Yale University, vi è un aspetto patologico dell'allergia che va tenuto a bada con medicinali appropriati per ridurne la portata negativa sull'organismo umano. Accade, infatti, anche per le armate principali del sistema immunitario, quelle che ci difendono dai virus e dai batteri di cadere in errore. Ciò accade nei casi di shock settico: la reazione immunitaria all'infezione è talmente forte ed esagerata da provocare la morte dell'organismo che avrebbe dovuto difendere. Ecco aggiunta un'altra tessera importante del puzzle dell'allergia.

Altri articoli sull'argomento:

Allergia e vangelo dell'asetticità

Leggi il post in cui riassumo l'esperimento del mio cambiamento dello stile di vita per guarire dall'allergia: Allergia Bye Bye? Cambiando l'ambiente cambiamo noi stessi.

Un punto di vista molto diverso dell'allergia: Dr Rau, video in lingua inglese

Bibliografia

- Allergy, the History of a Modern Malady, Mark Jackson

Crediti fotografici Creative Commons License

Foto intro di robef

Foto 1  di Puulkibeach

Foto 2 di sapienssolutions