in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

idee per cambiare il mondo una news alla volta

  • Alluminio, tutte le fonti e come evitarle

    Alluminio, tutte le fonti e come evitarle

    A cura della Redazione

    L’alluminio è attualmente il metallo più comunemente e ampiamente usato sulla terra e si può essere esposti ad esso attraverso una miriade di fonti. La ricerca scientifica più recente, se da un lato ha trovato un collegamento sempre più certo fra esposizione all’alluminio e Alzheimer, dall’altro suggerisce che è possibile proteggersi dalla malattia e, addirittura, prevenirla riducendo l’esposizione all’alluminio nel nostro ambiente quotidiano. Conoscere il nemico per neutralizzarlo.

    Leggi Tutto
  • La cura segreta dell'alcolismo, il Metodo Sinclair

    La cura segreta dell'alcolismo, il Metodo Sinclair

    di Patrizia Marani

    Dall’alcolismo si può guarire. Esiste una cura con il 78 per cento di probabilità di riuscita, ma è praticamente sconosciuta e quasi inutilizzata, perché?

    L’alcol è una droga che uccide una persona ogni 10 secondi. Aperitivi, happy hours, brindisi a ogni ricorrenza: vino e bevande alcoliche sono associati nel nostro immaginario a momenti gioiosi, di festa, non al rischio che essi comportano. Eppure l’alcolismo è la terza piu' importante causa di morte al mondo, con 3 milioni e 300.000 morti ogni anno (OMS Report 2012).

    Leggi Tutto
  • Immunità di gregge: chimera o realtà?

    Immunità di gregge: chimera o realtà?

    di Patrizia Marani 

    La vaccinologia è una branca della medicina in piena fioritura. Nata per rinforzare le difese naturali di fronte a veri flagelli dell’umanità come il vaiolo, responsabile ogni anno fino agli anni ‘60 di decine di milioni di morti e invalidi, questa scienza medica ha allargato enormemente il proprio campo d’azione in un periodo storico in cui le malattie infettive pericolose, soppiantate dalle malattie croniche, paiono vieppiù un ricordo del passato. Perche' mai?

    Leggi Tutto
  • Germi ed enigmi

    Germi ed enigmi

    di Patrizia Marani

    E' veramente utile vaccinare i nostri figli? Qual è il reale e aggiornato rapporto rischi-benefici delle vaccinazioni? E sono davvero indispensabili tutti i vaccini obbligatori e raccomandati? Un'altra puntata della nostra serie dedicata allo spinosissimo tema in cui ci sforzeremo di penetrare attraverso la nebbia di conflitto che circonda le vaccinazioni di massa, per trovare i nudi fatti, sovente sottaciuti o sommersi da una fitta coltre di polemiche.

    Leggi Tutto
  • 5 domande per un allevatore

    5 domande per un allevatore

    di Federico Marino

    PARLIAMO DI CARNE "SOSTENIBILE" Non mangiare carne rappresenta un avanzamento di civiltà perché pone fine alla violenza sugli animali e non è più sostenibile per il pianeta? Sicuramente 7 miliardi di persone che mangiano ogni giorno carne e lo fanno più volte al giorno non sono sostenibili. Mangiarne poca, ma di qualità eccellente può essere il il segreto per ottenere una salute ottimale. Ma come conoscere davvero la qualità della carne che mangiamo? Le regole d'oro sono due: 1. conoscerne la provenienza; 2. porre all'allevatore alcune, fondamentali domande. 

    Leggi Tutto
  • La rivoluzione delle forchette

    La rivoluzione delle forchette

    ovvero THE CHINA STUDY

    di Patrizia Marani

    Scrive T. Colin Campbell a proposito di uno studio memorabile da lui diretto: Eravamo in grado di accendere o spegnere lo sviluppo del cancro semplicemente variando i livelli di proteine animali nella dieta. Allo scorso "Sana" a Bologna è stato in collegamento video lo scienziato autore di The China Study, il libro che può scuotere l’alimentazione occidentale dalle fondamenta e, con essa, la perversa unione esistente fra governi, enti regolatori, una certa scienza e giganti dell’industria agroalimentare e farmaceutica.

    Leggi Tutto
  • Trattato di Parigi sul clima: la vera eredità

    Trattato di Parigi sul clima: la vera eredità

    di Federico Solimando

    “Il mondo non ha mai affrontato una sfida così grande". Il presidente francese François Hollande ha perfettamente ragione. Soprattutto alla luce dello storico accordo siglato alla COP21, la Conferenza mondiale sulla lotta al cambiamento climatico di Parigi, che si è appena conclusa e che ha fissato, sia pure con tutti i limiti del caso, un punto di svolta per il futuro ambientale della Terra. L'obiettivo dell’incontro era nientepopodimeno quello di evitare un disastro climatico globale: due sole settimane per decidere il futuro del nostro pianeta.  Ma qual è la reale eredità del trattato?

    Leggi Tutto
  • La guerra dei vaccini

    La guerra dei vaccini

    di Patrizia Marani

    Le perdite costanti subite dalle case farmaceutiche che vedono gli eserciti dei vaccinati costantemente assottigliarsi e' probabilmente all'origine della vera e propria controffensiva promossa dalla classe politica italiana e francese, riportando alla ribalta la polemica circa la reale utilità delle vaccinazioni massificate e l'urgenza di rivalutare il rapporto rischi-benefici di ogni singolo vaccino in relazione allo stato di salute del vaccinato.

    Leggi Tutto
  • Pulito è uguale a tossico

    Pulito è uguale a tossico

    Come non creare una pulitissima camera a gas facendo le pulizie

    di Patrizia Marani

    Che soddisfazione rimirare la propria opera dopo una sfacchinata di diverse ore! Il pavimento brilla, la ceramica del bagno pure e sul lavandino non c’è ombra di sporco. Lo sportello dietro il quale si cela l’armata multicolore dei detersivi si chiude con un suono secco, sigillando la fine della nostra guerra battericida. Con un sospiro di soddisfazione ci buttiamo sul sofà, inalando a pieni polmoni il micidiale cocktail chimico che abbiamo immesso nell’aria e che sarà ben presto condiviso da tutta la famiglia, neonati e bambini inclusi.....

    Leggi Tutto
  • Carne tossica?

    Carne tossica?

    di IlReE'Nudo

    Il braccio armato dell’OMS contro il cancro, la IARC, dopo un’analisi approfondita di più di 800 studi scientifici, ha definito cancerogene le carni rosse e quelle lavorate, ma lo sono davvero?

    Quanto bisogna prendere sul serio la relazione dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro?

    Com’è possibile che alimenti basilari della dieta occidentale, mangiati per secoli dai nostri avi, siano cancerogeni? E che tocchi proprio a noi dovervi rinunciare?

    Leggi Tutto
  • Piatti (o biberon) di plastica? No, grazie!

    Piatti (o biberon) di plastica? No, grazie!

    di IlReèNudo

    Abbiamo già scritto tanto noi di Perché Bio sulla plastica, ma ora desideriamo approfondire assieme a voi la conoscenza di articoli d’enorme diffusione: stoviglie e posateria in plastica. Che cosa ci mangiamo o beviamo, assieme ad alimenti e bevande, quando usiamo piatti, bicchieri e posate di plastica?

    Leggi Tutto
  • Mortadella s-velata

    Mortadella s-velata

    di Patrizia Marani

    Togliamo il coperchio a come viene davvero prodotto il nostro cibo. Ricetta antica e moderna a confronto. Tutti gli additivi nocivi della mortadella industriale

    Che si tratti della fragrante mortadella fatta affettare al banco, o quella confezionata in vaschette di plastica già affettata, la famiglia italiana media consuma questo alimento della tradizione culinaria italiana in quantità, tanto è vero che in Italia se ne producono ben 174.000 tonnellate.

    Leggi Tutto
  • Antico, sono ubriacato dalla voce ch'esce dalle tue bocche

    Antico, sono ubriacato dalla voce ch'esce dalle tue bocche

    di Patrizia Marani

    ..quando si schiudono
    come verdi campane e si ributtano
    indietro e si disciolgono. Eugenio Montale, Mediterraneo

    Leggi Tutto
  • Omega 3, il Re perduto

    Omega 3, il Re perduto

    di Patrizia Marani

    A PROPOSITO DI CARNE TOSSICA: oltre alla chimica usata nell'allevamento industriale, esiste pure un altro problemuccio, il fatto che animali erbivoli sono ora nutriti con cereali per farli aumentare di peso. Ciò ha comportato la perdita nella dieta umana dei preziosi Omega-3, un cambiamento tettonico della nostra alimentazione che può essere all'origine di parecchi malanni.  E' possibile però recuperarli scegliendo gli alimenti giusti e di cui conosciamo le modalità di coltivazione o allevamento.

    Leggi Tutto
  • Rifiuti alimentari: 6 consigli per fermare lo spreco

    Rifiuti alimentari: 6 consigli per fermare lo spreco

    Nella giornata mondiale dell'alimentazione, riceviamo da Helping e MyFoody - e pubblichiamo - il seguente comunicato stampa su come ridurre gli sprechi alimentari riducendo, di conseguenza, il budget da investire per nutrirci. Risparmiare sugli sprechi alimentari è anche un'opportunità per migliorare la qualità di quello che si acquista!  

    Leggi Tutto
  • Buona notte

    Buona notte

    di Patrizia Marani

     

    TUTTI I SEGRETI DEL SONNO E COME TRARNE I MASSIMI BENEFICI C'è una ragione per cui ci si sveglia sempre alla stessa ora e, maledizione, anche alla domenica. E c'è anche una ragione perché quei mocciosi si lagnano per una sola mezz'oretta di ritardo della cena. Il corpo umano brama routine: dategli orari fissi per i pasti, per l'esercizio fisico e, soprattutto, l'orario in cui si va a letto e ci si risveglia e lui vi ricompenserà con un'ottimo equilibrio psicofisico. Ma perché mai?

    Leggi Tutto
  • 'A trivella

    'A trivella

    di Maurizio Marna

     
    Negli ultimi 125.000 anni il mare Adriatico ha contrastato il mutamento del clima, glaciazione compresa, riuscendo a mantenere quasi intatte le prerogative di mare 'chiuso'. Tuttavia dove non poterono i grandi eventi naturali, poté l'uomo con la sua attività legata alla industrializzazione. A partire dal 1970, infatti, lo sfruttamento dell'Adriatico ha determinato profonde mutazioni della biodiversità e provocato danni sia alla flora sia alla fauna marine. Adesso l'oro nero, nonostante il forte ribasso dei prezzi, torna a 'ingolosire' alcuni paesi di quella fascia costiera: sarà il colpo di grazia?

    Leggi Tutto
  • L'AgriCittà

    L'AgriCittà

    di Maurizio Marna

     

    Può sembrare un controsenso parlare di riconversione agricola delle città e delle aree periurbane, ma non lo è. Periurbane ??? Cosa vuol dire questo aggettivo? Un bel po' spiazzati siamo andati a scoprirne, prima di scriverlo, il significato: "...zone di territorio in cui città e campagna si intersecano chiaramente, ospitanti la maggior parte della crescita urbana secondo schemi spesso convulsi". L'ECO SVILUPPO CITTADINO, insomma, passa anche da qui.

    Leggi Tutto
  • Lavoro? GREEN!

    Lavoro? GREEN!

    di Biosight

     

     In Italia, oggi giorno, il lavoro sembra l'Eldorado : tutti ne hanno sentito parlare, nessuno l'ha mai visto. Le statistiche dei disoccupati, in particolare giovani, sono esplicite e purtroppo desolanti. Occorre non rassegnarsi, comunque, a ritenere ineluttabile la situazione.

    Leggi Tutto
  • All
  • Bioedilizia
  • Bioenergia
  • Biolegislazione
  • Biowelness
  • Ecocittà
  • Iobevobio
  • Iomangiobio
  • Iovivobio
  • In ordine
  • Titolo
  • Data
  • Casuale

La guerra dei vaccini

di Patrizia Marani

Le perdite costanti subite dalle case farmaceutiche che vedono gli eserciti dei vaccinati costantemente assottigliarsi e' probabilmente all'origine della vera e propria controffensiva promossa dalla classe politica italiana e francese, riportando alla ribalta la polemica circa la reale utilità delle vaccinazioni massificate e l'urgenza di rivalutare il rapporto rischi-benefici di ogni singolo vaccino in relazione allo stato di salute del vaccinato.

vaccineRispetto alle vaccinazioni esistono, infatti, due posizioni contrapposte, una ortodossa a favore e una contro, in crescita in tutto il mondo industrializzato. La posizione ufficiale ritiene che i vaccini abbiano liberato l'occidente industrializzato da epidemie infettive mortali e che abbassare ora la guardia significhi aprire delle brecce a questi pericolosi germi. Il movimento antivaccinazioni, invece, crede che se i vaccini possono causare la morte o danni irreparabili in alcuni bambini, anche quelli rimasti apparentemente indenni possono in qualche modo aver accusato delle conseguenze ancora ignote o non chiare. La diffusa protesta dal basso contro l'obbligo vaccinale sospetta 1. che la resistenza delle autorità a rivalutare l'utilità e il numero delle vaccinazioni e, ora, a volerne imporre addirittura 10-12 sia più ispirata agli interessi delle potenti multinazionali della farmaceutica che al bene comune; 2. che i vaccini abbiano danneggiato il sistema immunitario di due generazioni, tutt'al più rimpiazzando vecchie malattie con nuove in costante aumento, quelle del sistema immunitario quali allergie, asma, malattie autoimmuni, o neurocomportamentali come autismo, iperattività e disturbi dell'apprendimento.

Scrive Roberto Gava nel suo libro "Le vaccinazioni di massa": "Negli USA si stima che 1 bambino su 6 presenti difficoltà di apprendimento, 1 su 9 asma bronchiale, 1 su 10 ADHD (sindrome da deficit di attenzione con iperattività), 1 su 88 comportamenti autistici, 1 su 450 diabete mellito insulino-dipendente". Vi sarà un collegamento?

Ad aumentare la confusione è, in Italia, la mancanza di dati ufficiali sui danni da vaccini, generalmente descritti come irrilevanti o addirittura negati, eppure sono in netta crescita le denunce dei genitori che attribuiscono le patologie invalidanti dei loro figli ai vaccini eseguiti nei primi due anni di vita.

La nostra serie di articoli "La guerra dei vaccini" cercherà di rappresentare tutti i principali "fatti" e punti di vista concernenti le vaccinazioni per sciogliere vari dilemmi: è veramente utile vaccinare i nostri figli? Qual è il reale e aggiornato rapporto rischi-benefici? E sono davvero indispensabili tutti i vaccini praticati? Il vaccino anti-influenzale è realmente la strategia più giusta per evitare pericolose epidemie influenzali?

COSA SONO I VACCINI E COME FUNZIONANO?VaccineSM MilitaryHealth

LA STRATEGIA DIFENSIVA DEL SISTEMA IMMUNITARIO I globuli rossi presenti nel sangue portano ossigeno ai tessuti e agli organi, mentre i globuli bianchi lottano contro le infezioni causate da virus e batteri.

Quando un germe riesce a superare le prime barriere difensive del corpo umano e inizia a moltiplicarsi, il sistema immunitario innato, riconoscendolo come un corpo estraneo minaccioso, segnala al sistema immunitario adattivo, la linea di difesa più agguerrita, di attaccare l'invasore. 

Quest'ultimo ha però bisogno di tempo per organizzare i propri eserciti. Se il nemico è molto forte – un germe, ad esempio, come quello del vaiolo - un tale "ritardo" può essere fatale.

Gli eserciti dell'immunità adattiva, tuttavia, una volta combattuto e vinto un virus o un batterio, ne conservano memoria e se questi ha la cattiva idea di ripresentarsi, viene da essi immediatamente riconosciuto e prontamente eliminato, prima che possa moltiplicarsi e causare la malattia. Grazie a questa memoria immunitaria ci si ammala solitamente una sola volta di una stessa affezione. Per vincere le infezioni più pericolose, ragionano gli scienziati, bisogna, dunque, eliminare quell'"inefficiente" intervallo di tempo che intercorre fra il contagio e la risposta immunitaria del sistema adattivo, fra l'attacco del virus e il contrattacco difensivo più sofisticato, costringendo "i corpi speciali" ad intervenire all'istante. Ma come fare?

I vaccini sono la soluzione a prima vista geniale della scienza a questa "inefficienza" immunitaria. Introducendo direttamente nel sangue il germe, in teoria, i vaccini attivano gli eserciti del nostro sistema immunitario senza che esso costituisca una reale minaccia di sviluppare la malattia perché l'agente patogeno è vivo ma reso innocuo, oppure morto. In tal modo, il sistema immunitario, conservando memoria di quello specifico germe, sarà pronto ad assalirne istantaneamente la versione originale - il virus vero e proprio – qualora questi ci aggredisca, stroncando la malattia sul nascere. I vaccini, dunque, imitando un contagio, aiutano il corpo a sviluppare, nel giro di qualche settimana, l'immunità ad una data malattia.

vaccineI primi vaccini nascono sul finire del 18esimo secolo con il glorioso scopo di sconfiggere pericolose malattie come il vaiolo, ma dai primi decenni del '900 iniziano a crescere di numero sino a coprire anche affezioni considerate in passato comuni e relativamente innocue, come il morbillo, la varicella o gli orecchioni (parotite è il termine scientifico). Sino all'inizio del ventesimo secolo, le malattie infettive sono state la principale causa di morte prima dei 5 anni e la vittoria su queste patologie è ritenuta essere il motivo capitale per cui l'aspettativa di vita nei paesi industrializzati ha avuto un incremento dai circa 50 anni del primo scorcio del '900 ai 79-83 attuali. Ma tale vittoria è stata conseguita grazie alle vaccinazioni di massa e all'uso degli antibiotici o, come ritengono i vaccino-scettici, soprattutto grazie all'enorme miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie?

VITTORIA SULLE MALATTIE INFETTIVE: VACCINAZIONI O CONDIZIONI IGIENICO-SANITARIE?

Uno studio "Infant mortality rates regressed against number of vaccine doses routinely given: Is there a biochemical or synergistic toxicity?" pubblicato su PubMed Central del 2011 ha analizzato il ruolo giocato dalle vaccinazioni nel prevenire la mortalità infantile nei paesi in via di sviluppo. Il tasso di mortalità infantile (TMI) è una delle misure più importanti della salute infantile e dello sviluppo generale di un paese, che sono strettamente dipendenti l'una dall'altra.

Acqua pulita, buona nutrizione e condizioni igieniche, accesso alla sanità sono gli aspetti che abbattono i tassi di mortalità infantile nelle regioni del mondo afflitte da scarse condizioni igieniche, denutrizione e povertà. La denutrizione è ad un tempo una delle prime cause di morte infantile e all'origine di tutte le più pericolose malattie (polmonite, diarrea, orecchioni, malaria) in quei paesi, perché indebolendo il sistema immunitario rende la persona più suscettibile alle infezioni. Il miglioramento delle condizioni igieniche, sanitarie ed economiche è, dunque, un fattore cruciale nel determinare il calo del numero di morti infantili. Qual è, allora, il ruolo giocato dai vaccini?

Gli studiosi osservano che molti paesi in via di sviluppo sottopongono i bambini ad un numero elevato di vaccines1 UK DepartmentforInternationalDevelopmentvaccinazioni con una copertura che supera spesso il 90%, ma ciò – in assenza di una migliore alimentazione e condizioni sanitarie - non apporta un miglioramento rilevante del tasso di mortalità infantile. La Gambia, ad esempio, richiede ai propri neonati di ricevere ben 22 dosi vaccinali con una copertura nazionale del 91-97%, ma il loro TMI è uguale a 68,8 morti su 1000 nati vivi. Ergo, le vaccinazioni non sono il fattore fondamentale tanto vantato dalle autorità nel determinare l'abbassamento della mortalità infantile.

Non la pensa così l'OMS che sul suo sito riporta dati a dir poco allarmanti sulla malattia che rischiano di suonare un po' come uno spot a favore della vaccinazione: "Il morbillo rimane una delle principali cause di morti infantili anche quando un vaccino efficiente ed economico è disponibile. Nel 2013, ci sono stati globalmente 145,700 casi mortali per morbillo – circa 400 morti ogni giorno ovvero 16 ogni ora. La vaccinazione ha portato ad un crollo del 75% delle morti per morbillo in tutto il mondo fra l'anno 2000 e 2013, prevenendo 15,6 milioni di casi mortali. Si tratta di uno dei migliori acquisti della sanità pubblica. L'OMS precisa, però, che "le complicanze da morbillo sono più probabili fra i bambini denutriti, soprattutto quelli carenti di vitamina A, o il cui sistema immunitario è stato indebolito da HIV/AIDS o altre malattie e che la stragrande maggioranza (più del 95%) dei casi mortali hanno luogo nei paesi a basso reddito e scarse infrastrutture sanitarie". Non bisogna però abbassare la guardia, avverte l'ente internazionale, perché, anche laddove il morbillo è stato praticamente debellato, i possibili casi di provenienza da altri paesi rappresentano una potenziale fonte di contagio.

Al contrario, gli scienziati del precedente studio sui tassi di mortalità correlato al numero di vaccinazioni sospettano che nei paesi sviluppati ove l'acqua è potabile e le condizioni igieniche, nutritive e d'accesso ad un sistema sanitario efficiente sono buone, sia l'eccesso di dosi vaccinali a costituire un pericolo.

I ricercatori, infatti, osservano un dato apparentemente paradossale:  "un'alta correlazione statistica fra il numero crescente di dosi vaccinali somministrate entro il primo anno di vita e tassi crescenti di mortalità infantile". Possibile?

Gli Stati Uniti, notano gli scienziati, malgrado spendano più di ogni altro paese al mondo in sanità, si piazzano al 34° posto per mortalità infantile - preceduti dall'Italia al 31° posto o persino da Cuba - fanalino di coda di tutto l'Occidente industrializzato: 6,22 decessi infantili per 1000 nati vivi, più che doppia rispetto ai paesi che risultano ai primi posti - Singapore (2,31), Svezia (2,75) e Giappone (2,79). Eppure, sono il paese che in assoluto somministra più dosi vaccinali nel primo anno di vita: 26 rispetto alle 12 dosi di Svezia e Giappone e 17 di Singapore.

Concludono gli studiosi: "Fra le 34 nazioni analizzate, quelle che impongono per legge un numero più elevato di vaccini tendono ad avere il peggior TMI. Di conseguenza, dobbiamo chiederci: è possibile che alcune nazioni impongano troppe vaccinazioni ai loro neonati e che i vaccini addizionali rappresentino un peso tossico per la loro salute? Sono alcune morti di neonati associate ad un eccesso di vaccinazioni?"

Gli USA hanno la più alta mortalità di neonati dell'occidente industrializzato – nel 2009, 4,5 milioni di nati vivi contro 28.000 morti infantili, con un tasso di 6,22/1000 - ma l'Italia, al 31° posto con un 5,51%, non è posizionata molto meglio in questa triste classifica. Una ricerca delle cause è ineludibile e gli scienziati auspicano "un'ispezione più attenta delle correlazioni fra le dosi vaccinali, la tossicità sinergistica o biochimica e i tassi di mortalità neonatale. Tutte le nazioni – ricche o povere, avanzate o in via di sviluppo – hanno l'obbligo di determinare se i loro programmi d'immunizzazione stanno raggiungendo i risultati auspicati".

Gli scienziati, dunque, non affermano che i vaccini sono all'origine di pericolose patologie infantili, ma richiedono semplicemente un monitoraggio degli esiti delle somministrazioni vaccinali che, in quanto pratica sanitaria, dovrebbe essere attuato di routine.

Ci pare una richiesta di puro buon senso che potrebbe porre la parola fine a quella che appare vieppiù come "la guerra dei vaccini", ma perché non viene attuata?

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo: 

Leggete la seconda parte, "Germi ed enigmi"

FONTI WEB

Infant mortality rates regressed against number of vaccine doses routinely given: Is there a biochemical or synergistic toxicity? PubMed Cental 2011, autori GS Goldman1 and NZ Miller2 - 1Computer Scientist, Pearblossom, CA, USA 2Thinktwice Vaccine Institute, Santa Fe, NM, USA

WORLD HEALTH ORGANIZATION (OMS)

BIBLIOGRAFIA

Le vaccinazioni pediatriche, Roberto Gava, Terza Edizione, 2013

Le vaccinazioni di massa - prevenzione, diagnosi e terapia dei danni, Roberto Gava, Salus Infirmorum 2013

Copyright

Foto Intro di KOMUnews

Foto1 di NIAID

FOTO2 di SM Military Health

FOTO3 di NIAID

 

 

 

 

 

bellaconbio

untitled.png

biolife

BIOSALUTE 2016