in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

idee per cambiare il mondo una news alla volta

  • Etichetta trasparente: la posta in gioco

    Etichetta trasparente: la posta in gioco

    di Patrizia Marani
    AGRICOLTORI E CONSUMATORI, UNA STESSA BATTAGLIA PER LA QUALITA' ALIMENTARE Mentre nell’empireo dell’agrochimica si celebrano matrimoni multimiliardari con la benedizione dell’istituzione antitrust europea, cosa succede nei cieli più in basso, popolati da piccoli e medi agricoltori? Recentemente, GranoSalus, un’associazione di produttori e consumatori meridionali, è, per così dire, balzata agli onori della cronaca per controversi test da essa condotti su alcune delle più importanti marche di pasta italiane.
    Leggi Tutto
  • Questo matrimonio non s'ha da fare

    Questo matrimonio non s'ha da fare

    di Patrizia Marani

    Ma la UE da’ il via libera. Una nuvola minacciosa si sta allungando sul mondo dell’agricoltura mondiale e, conseguentemente, sulla qualità alimentare: una nuova fusione fra due colossi dell’agrochimica, Monsanto e Bayer, appena consacrata dalla Commissaria per la Concorrenza dell’Unione Europea, la danese Margrethe Vestager. Gli azionisti avranno certamente di che guadagnare da tale unione. E' assai dubbio, però, che ne traggano vantaggio pure le altre due parti in causa: agricoltori e consumatori. Perché? All’orizzonte, potere politico e di mercato ancora più concentrato. Di conseguenza, prezzi alle stelle, qualità alimentare in picchiata, grazie agli OGM che “finalmente” possono sfondare in Europa.

    Leggi Tutto
  • Dacci oggi i nostri germi quotidiani

    Dacci oggi i nostri germi quotidiani

    di Patrizia Marani

    L’immunità naturale del neonato, nel momento più formativo della sua vita, si troverebbe attualmente in una situazione ambientale fortemente alterata rispetto a quella in cui il sistema immunitario umano si sviluppò e venne forgiato alle origini: da una parte vi è una sua costante e aggressiva stimolazione con i germi morti o attenuati dei vaccini. Dall’altra parte, vi e' il problema della sterilizzazione eccessiva dell’ambiente circostante e dello stesso corpo umano.

    Leggi Tutto
  • Alluminio, tutte le fonti e come evitarle

    Alluminio, tutte le fonti e come evitarle

    A cura della Redazione

    L’alluminio è attualmente il metallo più comunemente e ampiamente usato sulla terra e si può essere esposti ad esso attraverso una miriade di fonti. La ricerca scientifica più recente, se da un lato ha trovato un collegamento sempre più certo fra esposizione all’alluminio e Alzheimer, dall’altro suggerisce che è possibile proteggersi dalla malattia e, addirittura, prevenirla riducendo l’esposizione all’alluminio nel nostro ambiente quotidiano. Conoscere il nemico per neutralizzarlo.

    Leggi Tutto
  • La cura segreta dell'alcolismo, il Metodo Sinclair

    La cura segreta dell'alcolismo, il Metodo Sinclair

    di Patrizia Marani

    Dall’alcolismo si può guarire. Esiste una cura con il 78 per cento di probabilità di riuscita, ma è praticamente sconosciuta e quasi inutilizzata, perché?

    L’alcol è una droga che uccide una persona ogni 10 secondi. Aperitivi, happy hours, brindisi a ogni ricorrenza: vino e bevande alcoliche sono associati nel nostro immaginario a momenti gioiosi, di festa, non al rischio che essi comportano. Eppure l’alcolismo è la terza piu' importante causa di morte al mondo, con 3 milioni e 300.000 morti ogni anno (OMS Report 2012).

    Leggi Tutto
  • Immunità di gregge: chimera o realtà?

    Immunità di gregge: chimera o realtà?

    di Patrizia Marani 

    La vaccinologia è una branca della medicina in piena fioritura. Nata per rinforzare le difese naturali di fronte a veri flagelli dell’umanità come il vaiolo, responsabile ogni anno fino agli anni ‘60 di decine di milioni di morti e invalidi, questa scienza medica ha allargato enormemente il proprio campo d’azione in un periodo storico in cui le malattie infettive pericolose, soppiantate dalle malattie croniche, paiono vieppiù un ricordo del passato. Perche' mai?

    Leggi Tutto
  • Pulito è uguale a tossico

    Pulito è uguale a tossico

    Come non creare una pulitissima camera a gas facendo le pulizie

    di Patrizia Marani

    Che soddisfazione rimirare la propria opera dopo una sfacchinata di diverse ore! Il pavimento brilla, la ceramica del bagno pure e sul lavandino non c’è ombra di sporco. Lo sportello dietro il quale si cela l’armata multicolore dei detersivi si chiude con un suono secco, sigillando la fine della nostra guerra battericida. Con un sospiro di soddisfazione ci buttiamo sul sofà, inalando a pieni polmoni il micidiale cocktail chimico che abbiamo immesso nell’aria e che sarà ben presto condiviso da tutta la famiglia, neonati e bambini inclusi.....

    Leggi Tutto
  • 5 domande per un allevatore

    5 domande per un allevatore

    di Federico Marino

    PARLIAMO DI CARNE "SOSTENIBILE" Non mangiare carne rappresenta un avanzamento di civiltà perché pone fine alla violenza sugli animali e non è più sostenibile per il pianeta? Sicuramente 7 miliardi di persone che mangiano ogni giorno carne e lo fanno più volte al giorno non sono sostenibili. Mangiarne poca, ma di qualità eccellente può essere il il segreto per ottenere una salute ottimale. Ma come conoscere davvero la qualità della carne che mangiamo? Le regole d'oro sono due: 1. conoscerne la provenienza; 2. porre all'allevatore alcune, fondamentali domande. 

    Leggi Tutto
  • Mortadella s-velata

    Mortadella s-velata

    di Patrizia Marani

    Togliamo il coperchio a come viene davvero prodotto il nostro cibo. Ricetta antica e moderna a confronto. Tutti gli additivi nocivi della mortadella industriale

    Che si tratti della fragrante mortadella fatta affettare al banco, o quella confezionata in vaschette di plastica già affettata, la famiglia italiana media consuma questo alimento della tradizione culinaria italiana in quantità, tanto è vero che in Italia se ne producono ben 174.000 tonnellate.

    Leggi Tutto
  • La rivoluzione delle forchette

    La rivoluzione delle forchette

    ovvero THE CHINA STUDY

    di Patrizia Marani

    Scrive T. Colin Campbell a proposito di uno studio memorabile da lui diretto: Eravamo in grado di accendere o spegnere lo sviluppo del cancro semplicemente variando i livelli di proteine animali nella dieta. Allo scorso "Sana" a Bologna è stato in collegamento video lo scienziato autore di The China Study, il libro che può scuotere l’alimentazione occidentale dalle fondamenta e, con essa, la perversa unione esistente fra governi, enti regolatori, una certa scienza e giganti dell’industria agroalimentare e farmaceutica.

    Leggi Tutto
  • Trattato di Parigi sul clima: la vera eredità

    Trattato di Parigi sul clima: la vera eredità

    di Federico Solimando

    “Il mondo non ha mai affrontato una sfida così grande". Il presidente francese François Hollande ha perfettamente ragione. Soprattutto alla luce dello storico accordo siglato alla COP21, la Conferenza mondiale sulla lotta al cambiamento climatico di Parigi, che si è appena conclusa e che ha fissato, sia pure con tutti i limiti del caso, un punto di svolta per il futuro ambientale della Terra. L'obiettivo dell’incontro era nientepopodimeno quello di evitare un disastro climatico globale: due sole settimane per decidere il futuro del nostro pianeta.  Ma qual è la reale eredità del trattato?

    Leggi Tutto
  • La guerra dei vaccini

    La guerra dei vaccini

    di Patrizia Marani

    Le perdite costanti subite dalle case farmaceutiche che vedono gli eserciti dei vaccinati costantemente assottigliarsi e' probabilmente all'origine della vera e propria controffensiva promossa dalla classe politica italiana e francese, riportando alla ribalta la polemica circa la reale utilità delle vaccinazioni massificate e l'urgenza di rivalutare il rapporto rischi-benefici di ogni singolo vaccino in relazione allo stato di salute del vaccinato.

    Leggi Tutto
  • Carne tossica?

    Carne tossica?

    di IlReE'Nudo

    Il braccio armato dell’OMS contro il cancro, la IARC, dopo un’analisi approfondita di più di 800 studi scientifici, ha definito cancerogene le carni rosse e quelle lavorate, ma lo sono davvero?

    Quanto bisogna prendere sul serio la relazione dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro?

    Com’è possibile che alimenti basilari della dieta occidentale, mangiati per secoli dai nostri avi, siano cancerogeni? E che tocchi proprio a noi dovervi rinunciare?

    Leggi Tutto
  • Piatti (o biberon) di plastica? No, grazie!

    Piatti (o biberon) di plastica? No, grazie!

    di IlReèNudo

    Abbiamo già scritto tanto noi di Perché Bio sulla plastica, ma ora desideriamo approfondire assieme a voi la conoscenza di articoli d’enorme diffusione: stoviglie e posateria in plastica. Che cosa ci mangiamo o beviamo, assieme ad alimenti e bevande, quando usiamo piatti, bicchieri e posate di plastica?

    Leggi Tutto
  • Antico, sono ubriacato dalla voce ch'esce dalle tue bocche

    Antico, sono ubriacato dalla voce ch'esce dalle tue bocche

    di Patrizia Marani

    ..quando si schiudono
    come verdi campane e si ributtano
    indietro e si disciolgono. Eugenio Montale, Mediterraneo

    Leggi Tutto
  • Omega 3, il Re perduto

    Omega 3, il Re perduto

    di Patrizia Marani

    A PROPOSITO DI CARNE TOSSICA: oltre alla chimica usata nell'allevamento industriale, esiste pure un altro problemuccio, il fatto che animali erbivoli sono ora nutriti con cereali per farli aumentare di peso. Ciò ha comportato la perdita nella dieta umana dei preziosi Omega-3, un cambiamento tettonico della nostra alimentazione che può essere all'origine di parecchi malanni.  E' possibile però recuperarli scegliendo gli alimenti giusti e di cui conosciamo le modalità di coltivazione o allevamento.

    Leggi Tutto
  • Rifiuti alimentari: 6 consigli per fermare lo spreco

    Rifiuti alimentari: 6 consigli per fermare lo spreco

    Nella giornata mondiale dell'alimentazione, riceviamo da Helping e MyFoody - e pubblichiamo - il seguente comunicato stampa su come ridurre gli sprechi alimentari riducendo, di conseguenza, il budget da investire per nutrirci. Risparmiare sugli sprechi alimentari è anche un'opportunità per migliorare la qualità di quello che si acquista!  

    Leggi Tutto
  • Buona notte

    Buona notte

    di Patrizia Marani

     

    TUTTI I SEGRETI DEL SONNO E COME TRARNE I MASSIMI BENEFICI C'è una ragione per cui ci si sveglia sempre alla stessa ora e, maledizione, anche alla domenica. E c'è anche una ragione perché quei mocciosi si lagnano per una sola mezz'oretta di ritardo della cena. Il corpo umano brama routine: dategli orari fissi per i pasti, per l'esercizio fisico e, soprattutto, l'orario in cui si va a letto e ci si risveglia e lui vi ricompenserà con un'ottimo equilibrio psicofisico. Ma perché mai?

    Leggi Tutto
  • 'A trivella

    'A trivella

    di Maurizio Marna

     
    Negli ultimi 125.000 anni il mare Adriatico ha contrastato il mutamento del clima, glaciazione compresa, riuscendo a mantenere quasi intatte le prerogative di mare 'chiuso'. Tuttavia dove non poterono i grandi eventi naturali, poté l'uomo con la sua attività legata alla industrializzazione. A partire dal 1970, infatti, lo sfruttamento dell'Adriatico ha determinato profonde mutazioni della biodiversità e provocato danni sia alla flora sia alla fauna marine. Adesso l'oro nero, nonostante il forte ribasso dei prezzi, torna a 'ingolosire' alcuni paesi di quella fascia costiera: sarà il colpo di grazia?

    Leggi Tutto
  • Tutto
  • Bioedilizia
  • Bioenergia
  • Biolegislazione
  • Biowelness
  • Ecocittà
  • Iobevobio
  • Iomangiobio
  • Iovivobio
  • In ordine
  • Titolo
  • Data
  • Casuale

Sedia letale

 di Patrizia Marani

sedia letale

Una crescente mole di studi pare smentire un dato ormai entrato a far parte del senso comume: che se si sta attenti all'alimentazione e si pratica dell'esercizio aerobico tre o più volte alla settimana si riesce a neutralizzare gli effetti negativi della sedentarietà.  Perché mai? E come fare allora se si svolge un lavoro sedentario? Niente paura, gli esperti dell'inattività c'insegnano tutti i trucchi per sconfiggere i malanni della sedia.

La specie umana si è adattata agli ambienti fisici e sociali moderni trascorrendo seduta gran parte del tempo, non solo lavorativo, ma anche ricreativo: lavoriamo seduti, utilizziamo tablets e cellulari da seduti, guardiamo cinema e TV da seduti, ci spostiamo da un luogo all'altro seduti in macchina, autobus o metropolitana, anche per tratti di strada minimi. Per di più, solo un terzo degli adulti pratica l'attività fisica raccomandata per stare in salute, 150 minuti alla settimana di attività fisica moderata e 75 minuti di quella vigorosa. Per non parlare di quella "ideale" - un'ora al giorno, fra moderata e intensa - praticata da un infinitesimale 5% della popolazione. 

Sedia smallEbbene, tossici della sedia, indivanados della politica e consumatrici seriali di soap operas sappiate che i danni della sedentarietà SONO PARAGONABILI A QUELLI DEL FUMO. La ricerca scientifica più avanzata, infatti, suggerisce che l'inattività fisica è LETALE. Diversi studi che il Dottor James A. Levine, Direttore della Mayo Clinic/Arizona State University Solutions Initiative porta avanti dal 1999 hanno rivelato che l'attuale epidemia di obesità è in parte dovuta all'eccesso di ore che trascorriamo seduti in stato di totale riposo muscolare, con un impatto devastante sul metabolismo. C'erano, comunque, in serbo per lui diverse altre sorprese.

La prima scoperta memorabile è arrivata quando Levine ha cercato di risolvere un mistero metabolico: perché mai alcune persone ingrassano più di altre, pur mangiando le stesse quantità di cibo?

Dato che ognuno di noi tende a sopravvalutare la quantità di attività fisica che svolgiamo e a sottovalutare quanto mangiamo, Il Dottor Levine ha escluso ogni margine di errore monitorando i soggetti partecipanti al suo studio sul metabolismo umano con speciali apparecchiature che ne registravano ogni movimento. Agli stessi ha poi chiesto sia di nutrirsi per due mesi solo di quello che sarebbe stato loro somministrato in laboratorio, sia di non praticare alcun esercizio fisico. Tracciando ogni singola caloria assunta tramite il cibo e consumata attraverso l'attività, il metabolismo umano non avrebbe più avuto misteri per il ricercatore!

Una volta stabilita la quantità di cibo che permetteva ai suoi soggetti di mantenere il peso corporeo, il dottore vi ha aggiunto 1000 calorie in più al giorno. Sorprendentemente, alcuni hanno preso immediatamente peso, mentre altri quasi per nulla. Gli apparecchi di monitoraggio hanno ben presto rivelato che il risultato non era dovuto a nessuna magia o particolare efficienza metabolica. Semplicemente, i soggetti che non sono aumentati di peso, pur non praticando nessun esercizio fisico, si mantengono attive per gran parte della giornata. Sono quelle persone che salgono le scale anziché prendere l'ascensore anche per un solo piano, che se usano le scale mobili lo fanno per andare più veloci ma non vi si fermano, che si alzano spesso anche solo per sgranchirsi le gambe, che in casa sono sempre occupati in qualche lavoretto, o che parcheggiano l'automobile non proprio sotto all'ufficio, per poter fare due passi.....

Eh, quante volte, cari palestrati, vi ho incontrati paradossalmente fermi come una sfinge sulla scala mobile che conduce alla sedia small2palestra, con la borsa d'allenamento appoggiata di fianco! Ora potrò finalmente convincervi a non bloccarmi più la strada, prove scientifiche alla mano. Una crescente mole di studi pare, infatti, smentire un dato ormai entrato a far parte del senso comume: che se si sta attenti all'alimentazione e si pratica dell'esercizio aerobico tre o più volte alla settimana si riesce a neutralizzare gli effetti negativi della sedentarietà. E' assurdo come dire, sottolineano i ricercatori, "fai jogging per smaltire quel pacchetto di sigarette al giorno che fumi".

I dati ricavati dallo studio NIH-AARP Diet and Health su 240.000 adulti evidenziano, infatti, che coloro che hanno riportato alti livelli di attività fisica moderata o vigorosa (>7 ore/settimana) uniti a 7 o più ore trascorse guardando la televisione per giorno – i cosiddetti indivanati attivi, "active couch potatoes" in inglese - corrono un rischio di mortalità maggiorato del 50% per tutte le cause di morte e un rischio doppio di mortalità per malattie cardiovascolari rispetto a coloro che guardano la televisione per 1 ora, siano essi sovrappeso che magri! "..Ad ogni ora trascorsa davanti alla televisione dopo i 25 anni di età corrisponde una riduzione di 22 minuti dell'aspettativa di vita – un effetto paragonabile all'impatto sulla salute dell'obesità."

Marc Hamilton, del Pennington Biomedical Research Center e padre della ricerca sulle conseguenze biologiche dell'inattività, ha scoperto che la sedentarietà comporta un rischio significativo di sviluppare "molteplici disordini metabolici collegati a malattie croniche". La scienza della Fisiologia dell'Inattività sostiene che l'inattività fisica non è l'equivalente biologico di troppo poco esercizio fisico perché, come abbiamo visto, l'attività fisica si differenzia dall'esercizio fisico e quest'ultimo non riesce a controbilanciare interamente i danni prodotti dall'essere inattivi per troppe ore al giorno.

Sedia letale small3In un famoso articolo del New York Times "Is Sitting a Lethal Activity?" Hamilton dipinge con brevi, ma efficaci pennellate cosa succede al corpo umano in stato d'inattività. L'attività elettrica dei muscoli scende a zero, con una cascata di effetti metabolici insalubri: il corpo inizia a bruciare una sola caloria al minuto (1,5 se si lavora al computero attività equivalenti), molto meno di quanto brucerebbe durante una passeggiata veloce (4,3 calorie al minuto ad una velocità di 5,4 km/h) o una corsa (8,5 al minuto a 8 km/h); l'efficacia dell'insulina a gestire i livelli di glucosio cala precipitosamente nel giro di una singola giornata trascorsa seduti, predisponendoci al rischio di contrarre il diabete di tipo 2 e di diventare obesi; il numero degli enzimi preposti a ripulire il nostro sangue da lipidi e trigliceridi crolla, causando una caduta dei livelli del colesterolo buono. Persino i livelli di leptina, l'ormone della sazietà, diminuiscono.

Le linee guida ufficiali dell'American College of Sports Medicine suggeriscono che oltre a praticare regolarmente esercizio fisico, si traggono benefici per la salute dal ridurre contemporaneamente il tempo trascorso in attività sedentarie e/o dall' "interrompere tali attività frequentemente con brevi momenti trascorsi in piedi o di attività fisica leggera, anche in adulti fisicamente attivi." Start Active, Stay Active, le linee guida britanniche del 2011 suggeriscono di "ridurre al minimo il tempo trascorso seduti senza interruzioni" dall'infanzia sino all'età anziana. La ricerca scientifica evidenzia che frequenti interruzioni del tempo in cui si sta seduti con un'attività fisica leggera controbilanciano i danni del tempo trascorso seduti. Due minuti di attività leggera o medio-leggera ogni 20 minuti riducono dal 24 al 30% i livelli di glucosio nel sangue.

Un capitolo speciale va dedicato al rischio “cancro”. Sul sito dell’American Cancer Society si legge: “Sapevate che stare seduti per 6 o più ore al giorno può elevare le possibilità di morire di cancro e altre pericolose malattie, persino se mantenete un peso ideale e non fumate?” Questa scoperta sbalorditiva è emersa a seguito di un esame dei dati riportati dallo Studio II (CPSII) per la Prevenzione del Cancro dell’American Cancer Society. Se gli uomini sedentari che pur svolgono regolare attività fisica corrono un rischio maggiorato del 17%, per le donne che stanno sedute 6 o più ore, pur praticando esercizio regolare, l’incremento è del 37%. Per i sedentari (>6 ore seduti) che non praticano regolarmente esercizio fisico, secondo l’American Cancer Society, l’incremento sarebbe rispettivamente nientemeno che del 48% per gli uomini e del 94% per le donne! Al contrario, la capacità di prevenzione delle malattie tumorali da parte dell’attività fisica è stato dimostrato al di là di ogni dubbio.

COSA POSSO FARE IO

Cercate di mantenervi attivi per tutta la giornata. Ma come, se si lavora in ufficio o si guida per diverse ore al giorno?sport flessioni small

Di base, chi svolge un lavoro sedentario, dovrebbe praticare esercizio fisico tre o più volte alla settimana – l’ideale è un’ora tutti i giorni, alternando livelli diversi d’intensità e con una giornata di esercizio più riposante a basso impatto.

Ma la ricerca scientifica più recente ha evidenziato che non è sufficiente a scongiurare i danni della sedentarietà e che bisogna intervallare il tempo che trascorriamo seduti con alcuni minuti di esercizio fisico. Ecco alcuni trucchi per mantenerci attivi per tutto il giorno (dal website dell’American Cancer Society):

-       Salite a piedi le scale ogni volta che potete;

-       Nella pausa pranzo, allenatevi con i colleghi o amici;

-       Approfittate di ogni occasione per alzarvi e fare una piccola passeggiata, del tipo: recatevi fisicamente dai colleghi in ufficio anziché inviare loro una email;

-       Andate a fare la spesa a piedi o in bicicletta;

-       In ufficio, alzatevi, fate dei giretti, fate degli allungamenti o un esercizio per i bicipiti;

        6 -    In macchina, fermatevi per sgranchirvi le gambe o fare un mini-allenamento;

Altri semplici trucchi: potete tenere dei pesi leggeri vicino alla scrivania, o ovunque vi fermiate a lungo, per fare degli esercizi. Quando siete al telefono, non state seduti, ma approfittatene per passeggiare avanti e indietro o per fare dei lenti piegamenti, mantenendovi in equilibrio su una gamba, un ottimo esercizio addominale. Se l'appartamento o l'ufficio è dislocato su due livelli, approfittatene per salire e scendere diverse volte. Vi allacciate la scarpa? Fatelo senza sedervi e il vostro corpo consumerà più calorie. 

E', insomma, possibile ottenere dei benefici importanti compiendo migliaia di movimenti insignificanti svolti quotidianamente. Il dottor Levine ha definito questo tipo di attività fisica NEAT, Non-exercise Activity Thermogenesis. Uno studio realizzato dal ricercatore su soggetti obesi ha riscontrato che quest'ultimi totalizzavano una media di 1500 movimenti giornalieri, contro 600 minuti in cui erano seduti. Un agricoltore giamaicano ha una media di 5000 movimenti giornalieri, contro 300 minuti in cui sta seduto.

Certo non possiamo tutti diventare agricoltori giamaicani, ma possiamo adottare tanti piccoli trucchi per potenziare la nostra forma fisica, dato che la posta in gioco è la salute.

Per imparare come cogliere tutti i benefici dell'esercizio fisico e come meglio praticarlo, leggete "La movida perfetta"

Tutti i benefici derivanti dal mantenersi attivi fisicamente, le rivelazioni della ricerca scientifica più recente

Fonti Web

Is Sitting a Lethal Activity?, New York Times

Too Much Sitting: Health Risks of Sedentary Behaviour and Opportunities for Change, Research Digest

http://aje.oxfordjournals.org/content/172/4/419.full.pdf+html" data-mce-href="Thunhttp://aje.oxfordjournals.org/content/172/4/419.full.pdf+html">Leisure Time Spent Sitting in Relation to Total Mortality in a Prospective Cohort of US Adults

American Cancer Society Don’t Just Sit There, Stay active all day to reduce cancer risks 

Is sitting a lethal activity? 

Exercise your Right to Health, Harvard Medical School

Too Little Exercise and Too Much Sitting: Inactivity Physiology and the Need for New Recommendations on Sedentary Behavior

 Exercise for the treatment of depression and anxiety, Carek PJ1, Laibstain SECarek SM.

 For Depression, Prescribing Exercise Before Medication 

The Effects of Exercise on the Brain

Bibliografia

The End of Illness, David B. Agus, Free Press 2011

 

 

 

 

 

bellaconbio

untitled.png

biolife

BIOSALUTE 2016